Piazza Verdi, attacco del Comitato: “Ora il Comune paghi i portali di Buren”

LA SPEZIA– Duro affondo del Comitato Piazza Verdi contro il Comune. Il portavoce Massimo Baldino, nel corso della conferenza stampa di questa mattina, ha definito gravissimo il fatto che il Comune abbia dichiarato di aver già acquistato i portali e gli obelischi per il progetto Vannetti-Buren, nonostante ci fosse un ricorso pendente. Altrettanto gravi le risposte dell’Amministrazione in Commissione, quando l’Assessore Mori dichiarò che avevano concordato con la Soprintendenza di non fare l’archeologica preventiva, fatto che li ha portati a dover svolgere i lavori sotto la supervisione di un archeologo e che ha allungato i tempi. “Presenteremo i conti economici” afferma Baldinoall’opposizione spetterà  chiedere quelli politici“, in riferimento alle richieste di dimissioni ipotizzate da alcuni, anche sui social network.

Una cosa del genere, come questo di Piazza Verdi, con tutti i ricorsi e le querelles tra enti, non deve più verificarsi” afferma il legale Marco Grondacci. Tutto ciò ha creato alla città un danno d’immagine, anche a livello internazionale e ci sono gli estremi per una richiesta di danni erariali, anche alla luce del fatto che il Comune minaccia di chiedere risarcimento a Comitati e Associazioni. Ora il Comune ha di fronte due possibilità: la prima è quella del ricorso al Consiglio di Stato (che vorrebbe dire star fermi altri mesi) oppure quella di aprire un serio confronto con la Soprintendenza, coinvolgendo Comitati e Associazioni, nella maniera più trasparente possibile.

La consigliera del MoVimento 5 Stelle Marcella Ariodante ricorda l’impegno politico dei pentastellati nella battaglia e invita i cittadini a partecipare alla prossima commissione su Piazza Verdi mercoledì 17 alle 17 in Comune, perché l’Amministrazione veda che sono tanti i cittadini interessati alla questione.

Intervengono poi Aldo Sebastiani e Ramona Tellini in rappresentanza delle Associazioni Italia Nostra e Legambiente: il loro è un messaggio di soddisfazione per il successo ottenuto, ma allo stesso tempo di critica verso un’Amministrazione che non ha mai voluto ascoltare i cittadini e un invito ad aprire seriamente un percorso partecipato.

Infine, due esponenti del Comitato, Anna Maria Barini e Olimpia Cecchi, invitano a una riflessione più ampia su un Comune che ha cambiato completamente il volto del centro storico della città (Piazza Verdi e Piazza Europa) senza mai chiedere ai cittadini se realmente volessero queste modifiche.

Da Associazioni e Comitato, che rappresentano una discreta parte di cittadinanza, arrivando quindi duri attacchi all’Amministrazione Federici. Cosa farà il Comune ancora non si sa: i soliti bene informati dicono che a Palazzo Civico la botta sia stata forte e abbia lasciato tutti un po’ confusi.
Speriamo che la confusione (se è vero che c’è) passi presto, perché di tempo su Piazza Verdi se n’è già perso anche troppo.

(Claudia Bertanza)

Advertisements
Advertisements
Advertisements