BENEVENTO- Dove è finito il Benevento ammazza campionato di serie B? Ma non erano loro, quelli allenati da mister superPippo (Inzaghi) che in serie A avrebbero continuato a essere la super corazzata della cadetteria? E la partita persa dallo Spezia dello scorso campionato in Campania ve la ricordate? Chiedete a Mora per la sua roccambolesca espulsione sul punteggio di 0-1 per gli aquilotti. Tutto ritorna e stavolta con gli interessi calcistici firmati Pobega e #ilpanterone N’Zola: finale Benevento 0 Spezia 3; firmato mister Italiano.

Questo potrebbe bastare come commento alla seconda vittoria in serie A degli aquilotti in un sabato pomeriggio stupendo quanto il clima sul “golfo dei poeti”. In casa Spezia ne mancano “solo” 12 di giocatori in rosa alla corte di re Italiano. Ma quando il gioco si fa duro… e qui escono i veri rapaci, quelli che non mollano mai e che sono dati da tutti retrocessi sicuri in questo loro primo campionato di serie A con la maglia bianca aquilotta. Per adesso va bene così: 8 punti in sette partite, prima della pausa lunga, quella delle nazionali che riportano i giocatori di ogni squadra a rischio “covid-19”. Il popolo aquilotto crede sempre di sognare eppure è tutto vero, i nostri aquilotti ci sono e si vede bene quando sono in campo. Il re Italiano in tuta non sbaglia un colpo e pazienza se arriveranno momenti più sofferti, questo Spezia è nel suo punto più alto della sua storia ultra centenaria; adesso si rifiata e poi ci si misurerà con l’altra squadra del miglior calcio giocato, ovvero l’Atalanta dei miracoli di mister Gasperini e chissà…

Cristiano Sturlese