TORINO- Malgrado nel primo tempo lo Spezia sia riuscito a contenere la Juventus, con la solita prestazione ordinata della gara di andata, poi nella ripresa i torinesi hanno dilagato, anche troppo per quello che si era vista sin lì.

Pazienza, si vede che non è #destino, visto che anche a tempo scaduto il #gala Galabinov si è fatto parare un rigore che avrebbe quantomeno reso meno amara e meno pesante la sconfitta alla Stadium. I ragazzi di mister Italiano hanno interpretato bene la gara anche se sono mancati episodi decisivi nell’area juventina. Poi i campioni d’Italia hanno cambiato passo quando nella ripresa sono entrati Bernardeschi e Morata. Comunque testa alta e guai mollare, soprattutto ora che sin sabato prossimo al “Picco” arriverà il Benevento per uno scontro determinante la salvezza. Servirà effettuare una prestazione maiuscola come nelle prossime partite se gli aquilotti vorranno raggiungere quel sogno/obiettivo chiamato permanenza in serie A.

Cristiano Sturlese