SIENA- Al via il Siena Awards 2020 – festival internazionale della fotografia che, con i dovuti accorgimenti anti -covid, da oggi al 29 novembre, si svilupperà nelle varie location della città di Siena. Chi ama la fotografia e le emozioni che essa può trasmettere, anche per la sesta edizione, non potrà rimanere deluso per la qualità e i temi delle fotografie esposte, per il valore dei tanti fotografi che hanno presentato le loro opere con esposizioni monografiche o tematiche e per i numerosi eventi mediaticamente innovativi.

Il Siena Award 2020, come negli anni passati, con le sue otto esposizioni, mostrerà il mondo nella sua bellezza e nella sua diversità attraverso scatti e video realizzati da fotografi provenienti da 161 nazioni. Grazie all’originalità creativa e tecnica delle loro opere, la manifestazione sarà un viaggio fra città deserte a causa del lockdown e temi dall’alto valore sociale, ambientale e culturale per continuare a raccontare il presente e il futuro fra realtà e immaginazione.

Siena Awards è anche un contest a cui partecipano migliaia di fotografi da tutto il mondo. Nella ex distilleria dello Stellino, cuore pulsante della manifestazione, saranno ospitate 143 fotografie scattate da 48 fotografi di 37 nazionalità diverse e divise in dieci categorie tematiche. In ciascuna di queste sezioni sono esposte le opere più votate dalla giuria internazionale e ovviamente, in una fantastica gigantografia, si potrà ammirare la foto dell’anno ovvero la più bella in assoluto: “Frozen Mobile Home”, scattata dal francese Greg Lecouer che ritrae un iceberg sommerso in Antardide circondato da un gruppo di foche. In un’apposita sala saranno anche proiettati a rotazione continua dei video spettacolari che documentano, in una sorta di backstage, il pensiero fotografico e l’attività di alcuni dei professionisti premiati.

“Frozen Mobile Home”, scattata dal francese Greg Lecouer

Sempre all’interno dell’ex distilleria sarà visitabile “Burning Dreams”, mostra personale della freelance Carolina Rapezzi dedicata al deposito rottami di Agbogbloshie ad Accra, capitale del Ghana, diventato una delle discariche di rifiuti elettronici a cielo aperto più grandi del mondo.

Una doppia esposizione è stata allestita nel suggestivo Chiostro di San Domenico. La prima si intitola “Hong Kong Democracy Protests”, con scatti del fotografo Kiran Ridley dedicati alla lotta per la libertà dei manifestanti di Hong Kong. La seconda mostra ha il titolo “Saving Orangutans”, presenta il reportage del fotografo belga Alain Schroeder realizzato a Sumatra per documentare le contraddizioni del comportamento umano rispetto all’ambiente.

“Above us only Sky” sarà visibile negli spazi della storica Accademia dei Fisiocritici, l’occasione è duplice perché si potrà accedere in uno dei più importanti musei scientifici della Toscana, dove sono esposte le immagini e i video che hanno vinto i “Drone Awards”, concorso riservato alla fotografia aerea, unico al mondo nel suo genere, che coinvolgerà i visitatori con immagini che catturano la bellezza del mondo vista dai cieli e impressionanti città deserte durante il lockdown.

Nell’Area Verde Camollia 85, un giardino segreto nel cuore di Siena, sarà visibile “The Other Refugees”, la mostra firmata dal fotografo peruviano Pedro Jarque Krebs che racconta il dramma silenzioso di innumerevoli scimpanzè vittime di abusi nei circhi, sfruttati in campagne pubblicitarie e imprigionati in condizioni disumane.

Va segnalata la mostra personale del noto e affermato fotografo sudafricano Brent Stirton, allestita in una ex tinaia a Sovicille composta da una selezione di suggestive immagini calate in temi ambientali e sociali spesso nascosti e dimenticati.

Last but not least è l’innovativa “Mostra diffusa fra reale e virtuale” si tratta di un esposizione on the road di 24 pannelli disseminati nel cuore della città che raffigurano ritratti di uomini e donne fotografati in contesti e con stili fotografici differenti, uniti da un QR, aprendolo con lo smartphone sarà possibile vedere l’immagine originale e un video inedito girato durante il lockdown dai fotografi che hanno partecipato ai premi del Siena Awards, con immagini in arrivo dalle città di tutto il mondo.

Giuseppe Rudisi

Biglietti e prenotazioni. Nel rispetto delle norme di sicurezza anti Covid-19, sarà possibile visitare le mostre con accessi contingentati e in piccoli gruppi, preferibilmente su prenotazione. Per acquistare biglietti e prenotare visite guidate, è possibile contattare il call center al numero +39 350-1296678 oppure visitare il sito www.festival.sienawards.com nella sezione Biglietti. Le prenotazioni e le prevendite sono già aperte.

Info e social Siena Awards. Il Festival del Siena Awards è promosso dall’associazione culturale Art Photo Travel in coorganizzazione con il Comune di Siena, con la collaborazione del Comune di Sovicille e il patrocinio del Ministero degli Esteri, Università degli Studi di Siena, Regione Toscana e Camera di Commercio di Siena e Arezzo. Main Partner dell’evento sono Banca Mediolanum, Etruria Retail, Carrefour Market, Lumix, Siena Ambiente e la catena di negozi specializzati foto/video “Il Fotoamatore”. Partner tecnico è Rete Ivo, Internet Veloce Ovunque. Per informazioni, è possibile consultare il sito www.festival.sienawards.com e seguire i canali social su Facebook, sipacontest; Instagram, @sipacontest; Twitter, SIPAContest e YouTube, Siena International Photography.