LERICI – La musica non si ferma mai a Lerici, perla del Golfo dei Poeti nel Levante ligure: le note, nonostante l’emergenza Coronavirus, riempiranno le sue piazze e le sue vie anche nel 2020.

Dal 3 al 16 agosto, si terrà la quarta edizione del Lerici Music Festival, rassegna nata come Suoni dal Golfo, che quest’anno cambia il nome ed in parte la sua vocazione mantenendo solide radici con il territorio, ma aprendosi ulteriormente alla scena internazionale.

Creato grazie ad un’intuizione del Maestro Gianluca Marcianò, direttore d’orchestra che dopo aver calcato i palchi di tutto il mondo è tornato nella città d’origine per omaggiarla e portarla al centro della scena musicale italiana e non solo, il Festival ha ottenuto per il suo valore culturale e artistico il patrocinio del Comune di Lerici, della Regione Liguria, del Parlamento Europeo (concesso per una delle iniziative collaterali) e il sostegno del Mibac.

Due settimane di musica di primo piano, con spazi dedicati tanto ad artisti di fama internazionale – tra gli altri, Sumi Jo, Carmen Giannattasio, Beatrice Rana, Anna Tifu, Fabio Armiliato e Gloria Campaner -, quanto ai giovani talenti saranno il cuore di un programma capace di spaziare dalla grande tradizione della musica classica alle colonne sonore più famose.

Ai concerti si affiancheranno iniziative collaterali non meno importanti, quali il dibattito “Il mestiere della musica’ e un omaggio al grande registra Federico Fellini, nell’anno del centenario dalla nascita.

Il Lerici Music Festival non è una semplice carrellata di eventi, ma la creatura di un artista tornato nel suo Golfo meraviglioso per creare un’agorà della musica sotto l’ombra del bellissimo castello duecentesco della città. La melodia si riversa nelle strade, cattura turisti e residenti, gli artisti arrivano non per percepire un cachet, ma in forza di un legame personale e per aderire ad un progetto.

Ad impreziosire questa quarta edizione, la collaborazione con diverse realtà che si dedicano alla filantropia e al sostegno della musica.

“Questa edizione Festival nasce dalla voglia di ripartire con la musica dal vivo e da una lunga serie di telefonate ad aprile e maggio con tanti miei amici, vecchi e nuovi, tutti grandissimi musicisti italiani. È sempre stato il mio sogno portare amici e colleghi ad esibirsi nella mia città natale ed ora abbiamo un vero e proprio format con residenze artistiche a Lerici, al più alto livello. Quest’anno andremo anche in tutto il mondo con due importanti piattaforme streaming come Idagio e Ontheatre.tv e ci saranno partner speciali, come Eufcs, presieduto da Konstantin Ishkhanov. La musica non si ferma!” annuncia il Maestro Marcianò.

Dal 2020, la manifestazione può contare sull’esperienza e sulle grandi capacità organizzative di Maurizio Roi, che in Liguria ha già ricoperto la carica di sovrintendente del Carlo Felice di Genova. “Lerici è un festival giovane, ma che si sta consolidando – spiega – , seguendo percorsi originali. Artisti affermati e giovani talenti, artisti che vivono il borgo e creano progetti, programmi ricercati e spesso inusuali, relazioni creative con istituzioni culturali internazionali. Una manifestazione creata da alcuni professionisti che le dedicano un po’ del loro tempo, molti volontari, vera anima del Festival, e tanti sostenitori privati che lo supportano al pari delle istituzioni: Comune, Regione, Ministero, a cui va il nostro ringraziamento per la fiducia. Lerici, insomma, non è solo un festival: è un’esperienza, per tutti, artisti, turisti e pubblico”.  

Durante la presentazione del programma, avvenuta nella Sala della Trasparenza della Regione Liguria a Genova, sono intervenuti il presidente Giovanni Toti e l’assessore alla Cultura Ilaria Cavo.

Il Festival è un’operazione che nasce dalla musica ma si estende alle più svariate arti figurative e creative del panorama culturale – dichiara TotiSiamo lieti di presentarlo qui oggi perché con lo sforzo e il lavoro il Festival è diventato una rassegna musicale tra le più importanti della nostra regione e del panorama estivo del Paese, cosa che non era scontata vista l’estate particolare in cui ci troviamo che, a causa del covid, ha visto necessariamente modificare la programmazione naturale dell’estate italiana e di conseguenza anche di quella ligure. La tenacia e la volontà di mettersi comunque a lavorare è stata premiata e spero che anche i risultati in termini di pubblico saranno importanti. La manifestazione dà lustro alla nostra regione e in qualche modo ne interpreta il messaggio turistico più profondo ovvero che la Liguria non è solo spiagge e mare blu, siamo la prima regione per bandiere blu del Paese, ma è anche tutto quello che la circonda: ascoltare musica con la fortezza di Lerici vuol dire cultura, arte, storia, professionalità, emozioni e sapori che i turisti e i cittadini si porteranno a casa, esperienze diverse da qualunque altra. Il messaggio che viene trasmesso è importante: il mare e le spiagge ci sono in molte parti del mondo ma quello che mette insieme la bellezza del paesaggio, la storia dell’uomo che lo ha plasmato, la musica, le emozioni, l’arte e la cultura non si trova ovunque e noi possiamo dire forse di essere la prima potenza mondiale. Come Regione Liguria siamo lieti di sostenere il Festival affinché diventi un vero e proprio polo di eccellenza della nostra estate, in una delle perle del golfo di La Spezia”.

“Quest’anno il Festival ci arricchisce di tanta energia, per chi è affezionato a Lerici e al suo golfo credo ci sia poco da aggiungere – sottolinea CavoLa rassegna comprenderà musica e spettacoli che saranno un tutt’uno grazie allo splendido lavoro di Marco Nereo Rotelli che con le sue installazioni, tra cui ricordiamo quella per la valorizzazione di Portofino, sta dando tanto alla nostra regione. Ci aspettavamo un’estate in sordina e invece ci sarà musica, luce e parole: sarà un’esperienza visiva, un grande segnale che unisce tutta la Liguria che non era affatto scontato. Mi auguro che il pubblico saprà cogliere questo grande spettacolo di eventi”.

La perla del Golfo dei Poeti ha abbracciato con entusiasmo questa rassegna, divenuta ormai inscindibile dalla città. “Lerici conferma il suo connubio con il Lerici Music Festival. Siamo arrivati alla quarta edizione di una rassegna che porta ogni anno sul territorio ligure le eccellenze della cultura musicale mondiale. Ringrazio la Regione, e in particolare il presidente Toti, per il sostegno concreto e morale che ogni anno conferma a un progetto ambizioso, che vuole essere una prestigiosa vetrina e occasione di valorizzazione per tutta la Liguria” sottolinea il sindaco Leonardo Paoletti.

La proposta musicale, che gli spettatori potranno godersi sia in loco, nel pieno rispetto delle misure antiCovid, sia in streaming, in ogni angolo del mondo, è definita.

“Questo programma è frutto di un intenso lavoro di gruppo. Ci siamo sentiti più volte con tutti i solisti, assieme ai miei colleghi Valentina Renesto e Giuseppe Bruno (che mi affiancano fin dagli esordi) ed abbiamo condiviso tante idee. Alla fine a me è toccato fare una sintesi e rendere il tutto organico. Avremo 4 concerti con orchestra, 3 serate di music da camera, 3 recital, 1 spettacolo di teatro musicale e molto altro. Sono felice che da quest’anno inizieremo due impirtanti partnership con Opera for Peace e la European Foundation for Support of Culture” conclude il Maestro Marcianò.

Lerici Music Festival 2020 – Partner

Istituzioni: Parlamento Europeo (concessione Patrocinio al dibattito “Il mestiere della musica”), Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, Regione Liguria e Comune di Lerici-Lerici Coast (concessione Patrocinio alla manifestazione), Autorità Portuale della Spezia,
Fellini 100 – Celebrazioni per il Centenario di Federico Fellini (concessione Patrocinio alla manifestazione), Fondazione Carispezia, Lega Navale Lerici.

Special Partner: Eufcs Malta, Opera for Peace, Aspect Foundation, Goethe Institut, Al Bustan Festival, Musica con le Ali, Vie Francigene.

Media Partner: Avvenire, Idagio, Ontheatre.tv, Stingray, Radio Mca.

Commercial Corporate: Bedat & Co, Crédit Agricole, Cantieri Sanlorenzo, Cantine Lunae, Cantine Tenuta La Ghiaia, Covim, Grimaldi Impianti, Hotel Shelley e Delle Palme Lerici, Sdress.

Supporter: Rotaract Lerici – Sarzana, Arci La Serra.

Il programma completo: www.slideshare.net