AMEGLIA- Spiace constatare che le segnalazioni/osservazioni/rimostranze dei cittadini siano spesso, troppo spesso, solo parole gettate al vento. 
Sono almeno tre anni che personalmente chiedo all’Assessore competente di occuparsi di quello che è diventato man mano… più che un parco pubblico, un pubblico obbrobrio.
L’ultimo intervento effettuato nell’area pubblica  del Cafaggio infatti, è stato far piallare le sponde dello scivolo perché pericolose per i bambini.
Un piccolo e obbligato intervento di manutenzione che non può certo bastare.
Un ennesimo palliativo in uno spazio “una volta attrezzato” e curato, in cui i giochi andrebbero cambiati in toto.
Ma come nei racconti sembra di combattere contro i mulini a vento.
Ogni qualvolta che si fa presente il degrado in cui versano i giardini in questione, infatti, per tutta  risposta viene sempre asserito che molto presto saranno riqualificati, sì.
Un progetto di  riqualificazione  che però si deve essere perso in qualche cassetto del Comune.
La domanda che sale scontata è la solita: bisognerà aspettare la prossima campagna elettorale affinché qualcuno o qualcun altro prometta ciò che spetta di diritto ai bimbi e alle famiglie che utilizzano, o vorrebbero utilizzare, quel l’importante spazio pubblico?!?!
Il parco giochi di Bocca di Magra è stato riqualificato mentre da noi al Cafaggio no, forse che dobbiamo considerarci come sempre cittadini di serie B?
Mi rifiuto di pensare che questa amministrazione ci metta da parte appositamente, ma mi trovo costretta a  chiedermi se abbia o meno la capacità di mettere mano alle richieste più che giuste di noi cittadini di tale frazione, o forse che non ci sia la convenienza.
Il che è ancora più triste.
Mannoni Maria Silvia