FIRENZE –  “Erano tempi mitici. Non esistevano fax né tantomeno computer. L’inviato o il cronista doveva dettare i suoi pezzi. Il telefonino appariva solo nei film di fantascienza e se non avevi in tasca il gettone telefonico il pezzo non arrivava..”. Il nuovo romanzo di Marco Gasperetti, intitolato La società dei giornalisti estinti (Mauro Pagliai Editore, pp. 96, euro 8), racconta di un mondo che non c’è più, fatto di reporter vecchio stampo, macchine da scrivere e taccuini da stenografo: un mondo che l’autore conosce bene, e che ricostruisce con un sincero tocco di nostalgia.

Gasperetti, livornese, è una firma del «Corriere della Sera», per cui si occupa di cronaca, politica, cultura, nuovi media. È inoltre docente di Giornalismo online e Didattica multimediale all’Università di Pisa. Proprio le trasformazioni tecnologiche nel campo della comunicazione, che hanno portato alla crisi dei media tradizionali, sono al centro di un romanzo che è anche un amarcord con riflessi autobiografici: il protagonista ricorda gli inizi della sua carriera, immerso in un mondo fatto di persone e passione più che di Internet e PC, in compagnia di personaggi coloriti e irresistibili. Finché non si fa strada un’idea folle: fondare un nuovo giornale “low tech”, fatto di carta e d’inchiostro, di metodi antichi ma mai veramente estinti. “È anche un romanzo di formazione”, spiega l’autore, “nel senso che fa capire cosa significa e ha significato lavorare in un giornale negli ultimi formidabili quarant’anni, durante i quali dal piombo si è passati ai social network. Ma non ha alcuna presunzione di dare giudizi sul passato e sul presente, o di voler vaticinare il futuro”. Dalla vicenda emerge più di una riflessione: il giornalismo, probabilmente, non morirà mai, ma cosa sta diventando esattamente? Come saranno i nuovi reporter? E i nuovi lettori?