Cut-Up Publishing è lieta di presentare Il bambino che giocava con le bambole, il nuovo romanzo di Antonio Tentori, prefazione di Lamberto Bava.

Venezia, oggi. Uno spietato assassino seriale vestito di nero uccide giovani donne, in un crescendo delirante. Autore dei delitti sembra essere Giulio Renier, fotografo ossessionato dal trauma dell’uccisione del padre, di cui è stato testimone da bambino. Dopo un periodo di analisi, Giulio accetta un servizio fotografico a Parigi. Ma il serial killer colpisce anche lì, inarrestabile. E poi ancora a Venezia, appena il fotografo vi ritorna. Disperato e sempre più convinto di essere lui l’assassino,
Giulio chiede aiuto a un suo vecchio amico, investigatore privato. Nel tragico e indelebile passato di Giulio Renier è celata un’atroce verità.

“C’è il profumo dei film di mio padre Mario Bava, tutto il sapore della filmografia argentiana, un ricordo anche per i film di Roman Polanski. Il romanzo è anche visionario, non vuol dire che va oltre il reale, ma che è visto per immagini. Non leggiamo il racconto ma lo vediamo, lo viviamo. Non sappiamo chi è l’uomo col mantello che insegue le sue vittime, le mani con i guanti neri che impugnano il rasoio, ci colpisce solo l’efferatezza dell’assassino. Una vendetta? Ma chi può
essere, io fino alla fine non l’ho capito. Antonio Tentori ha costruito bene la storia e l’ha sviata nel modo giusto. Grazie Antonio, mi hai fatto rivivere il sapore e l’emozione degli anni d’oro del Giallo.” (Lamberto Bava)

Antonio Tentori ha pubblicato numerosi libri, tra cui la novelization del film Inferno di Dario Argento (Newton Compton) e la raccolta di racconti Nero Profondo (Cut-Up Publishing). Come sceneggiatore ha lavorato, tra gli altri, con Dario Argento, Lucio Fulci, Claudio Lattanzi e Sergio Stivaletti.
In uscita a dicembre in libreria e su tutti gli store on line, distribuzione Messaggerie Libri, Goodfellas Promozione Editoriale.

Disponibile anche sullo store on line della casa editrice, con la spedizione gratuita:

cut-up-publishing.ecwid.com

www.facebook.com/cutupedizi