LA SPEZIA- È partita anche nella provincia della Spezia l’indagine di sieroprevalenza dell’infezione da Covid-19, stabilita da ministero della Salute e Istat con la collaborazione della Croce Rossa Italiana, per capire quante persone nel nostro Paese abbiano sviluppato gli anticorpi al nuovo coronavirus, anche in assenza di sintomi. L’indagine verrà eseguita su 150 mila persone residenti in 2 mila Comuni, un campione rappresentativo di tutta la popolazione italiana scelto in base a sesso, sei classi di età e professione.

All’interno del campione rientrano anche 1.113 persone residenti nella provincia della Spezia, di cui 470 nel comune della Spezia, 112 a Sarzana, 82 a Castelnuovo Magra, 69 a Follo, 67 a Levanto, 60 a Calice al Cornoviglio, 56 a Porto Venere, 52 a Santo Stefano di Magra, 51 ad Arcola, 49 a Lerici e 45 a Luni. Il centro regionale della Croce Rossa ha già iniziato a contattare le persone selezionate, sottoponendo loro un questionario e proponendo di effettuare il test seriologico (le persone potranno scegliere liberamente se partecipare), che verrà eseguito dalle Infermiere Volontarie della Croce Rossa negli ambulatori CRI e in quelli messi a disposizione dall’Asl5.
L’obiettivo dell’indagine, condotta sul territorio dagli operatori della Croce Rossa della Spezia, di Levanto, Ameglia e Follo, è quello di comprendere la reale estensione dell’epidemia tra la popolazione italiana attraverso la ricerca nel sangue degli anticorpi al Covid-19, calcolando anche quante persone hanno contratto il virus in assenza di sintomi: per questo è fondamentale che tutte le persone selezionate diano la loro disponibilità a sottoporsi al test. La riservatezza dei partecipanti sarà mantenuta per tutta la durata dell’indagine.