LA SPEZIA – A causa della situazione che il Paese sta vivendo per l’epidemia da COVID 19, anche le commemorazioni legate al 25 aprile subiranno un cambiamento del loro cerimoniale come disposto dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri. Quest’anno, infatti, non potranno tenersi le manifestazioni pubbliche previste per celebrare il 75° anniversario della Liberazione e sarà consentita la  deposizione di fiori presso i monumenti soltanto alla presenza dei Sindaci e dei Prefetti, evitando quindi assembramenti.

Per questo motivo, si è deciso d’intesa con il Comitato Provinciale Unitario della Resistenza della Spezia, di procedere nell’unico modo possibile: il Sindaco della Spezia Pierluigi Peracchini e il Prefetto Antonio Lucio Garufi si recheranno il 25 aprile alle ore 10 al Monumento alla Resistenza ai Giardini Pubblici a deporre una corona in memoria dei Caduti e Martiri della Libertà.

“Nonostante le limitazioni imposte dal Ministero, La Spezia non dimentica il 25 aprile, la Festa della Liberazione dell’Italia dal nazifascismo – dichiara il Sindaco Pierluigi Peracchini – come Sindaco e come Presidente della Provincia mi recherò insieme al Prefetto Garufi al Monumento della Resistenza per deporre una corona in memoria dei caduti che ci hanno dato la Libertà. Nel momento che stiamo vivendo, oggi più che mai nella storia della Repubblica, tutti gli italiani hanno nel cuore di che cosa significhi la libertà, un concetto sul quale la politica dovrà tornare a riflettere lungamente. Anche se solo le istituzioni cittadine saranno davanti al Monumento della Resistenza sarà come se tutta la Città fosse presente”