La musica si è fermata, ma non è morta. E ora riprende, con fatica, ma riprende. E mai come adesso le persone hanno bisogno non solo di tornare a vivere, ma anche di provare gioia davanti alla bellezza che l’arte sa donare. E anche la musica, la grande musica, è pronta per donare nuovamente emozioni e felicità. Ed è quello che si prefigge di fare il Festival Capraia Musica, giunto alla quindicesima edizione, uno dei pochissimi appuntamenti estivi che la terribile pandemia e tutti i rischi ad essa connessi possono permettere di vedere ancora realizzati.

Per questo motivo, onde affrontare al meglio l’emergenza Covid-19, l’edizione di quest’anno si terrà all’aperto e prevede, dal 31 luglio al 5 agosto 2020, la presenza di cinque appuntamenti che hanno lo scopo non solo proporre altrettanti artisti di fama internazionale che hanno accettato con entusiasmo di prendere parte a questa rassegna, ma anche di valorizzare le bellezze culturali e paesaggistiche dell’isola. Infatti, uno di questi cinque appuntamenti darà la possibilità di prendere parte a un breve trekking, seguito da un concerto di musica solistica, senza contare che per la prima volta ci sarà un concerto al tramonto all’interno di una grotta dell’isola, con il pubblico che assisterà su alcune barche, nel pieno rispetto delle norme in atto per contrastare il virus.

Il concerto inaugurale del Festival, venerdì 31 luglio, alle ore 22.00, presso Il Chiostro di Sant’Antonio, sarà tenuto dal bravissimo saxofonista Luis Lanzarin che, insieme con il fisarmonicista Claudio Cecchetto, presenterà un programma con brani celebri eseguiti nella rara trascrizione per saxofono. Sabato 1° agosto, sempre nel Chiostro di Sant’Antonio, alle ore 22, il noto violinista Franco Mezzena, accompagnato dal chitarrista Claudio Piastra, proporrà un bellissimo programma incentrato sulla figura di Niccolò Paganini.

Lunedì 3 agosto, per assaporare le bellezze naturali dell’isola, si terrà un concerto del fisarmonicista Gianluca Campi all’interno di una delle più belle e spettacolari grotte dell’isola, quella denominata “Grotta al cavallo”, con il pubblicò che potrà assistere all’esecuzione ospite su imbarcazioni che stazioneranno in mare, all’entrata della grotta.

Mercoledì 5 agosto ci sarà, infine, l’appuntamento con il trekking mattutino: alle ore 8,30 una guida accompagnerà le persone fino alla Chiesa di Santo Stefano, illustrando le caratteristiche architettonico-paesaggistiche del luogo; seguirà, quindi, un breve concerto per violoncello solo tenuto dal violoncellista Vittorio Ceccanti che chiuderà la rassegna con la seconda parte del suo concerto alle ore 22 nel Chiostro di Sant’Antonio.

La finalità di questo programma corto ma denso, come si può evincere, è quello di dosare l’aspetto naturale e architettonico dell’isola con quello squisitamente musicale, in modo da poter coinvolgere e interessare più persone e turisti.

 

 

PROGRAMMA

venerdì 31 luglio ore 22,00 – Chiostro di Sant’Antonio

Luis Lanzarin sax

Claudio Cecchetto fisarmonica

Johann Sebastian Bach Variazioni su Corale

Antonio Vivaldi Adagio dall’Inverno

Jean-Baptiste Lully Air tendre et Courante

Sabato 1° agosto ore 22,00 – Chiostro di Sant’Antonio

Franco Mezzena violino

Claudio Piastra chitarra

Niccolò Paganini Sonata I dal Centone di Sonate

Mauro Giuliani Gran Duo Concertante op. 85

Niccolò Paganini Sonata concertata

Astor Piazzolla Cafè 1930 – Bordel 1900

Lunedì 3 agosto ore 20,00 – Concerto sul mare presso la “Grotta al cavallo”

Gianluca Campi fisarmonica

Antonio Vivaldi Allegro dall’Inverno

Johann Strauss figlio       Voci di Primavera/variazioni

Niccolò Paganini Capriccio n. 21 “La Campanella”

Gioacchino Rossini Cavatina di Figaro

Ivan Larionov Kalinka

Vittorio Monti Czardas

Johannes Brahms Danza ungherese

Anonimo russo Oci ciornie

Mercoledì 5 agosto ore 8,30 – Chiesa di Santo Stefano (trekking e concerto)

Vittorio Ceccanti violoncello

Johann Sebastian Bach Suite per violoncello solo in sol maggiore BWV 1007

Mercoledì 5 agosto ore 22,00 – Chiostro di Sant’Antonio

Vittorio Ceccanti violoncello

Paul Hindemith Sonata per violoncello solo

Johann Sebastian Bach Suite per violoncello solo in do maggiore BWV 1009