Un altro debutto in campionato per il Magrazzurri e chissà che pure questo con vittoria. Dopo l’esordio interno alla Corea contro il Follo San Martino e quello esterno in casa della Forza e Coraggio, entrambi vittoriosi, la co-capolista del Girone B di Promozione “ri-debutta” in casa nel senso che stavolta (salvo soprese dell’ultim’ora) esordisce a quel “Luigi Camaiora” che più di tutti è la sua casa. In arrivo, domenica 18/10, la Tarros Sarzanese.

Un’altra “overture” vincente?
 <Abbiamo dato un egregio assestamento alla squadra in ogni reparto – alla vigilia mister Stefano Paolini schiva la domanda – durante l’estate. L’attacco sembra a posto con Atzeni, Cantoni e Santunione, il centrocampo idem col trio Antonelli-Mazzantini-Romiti; in difesa Becci fa da splendida chioccia agli altri: già, poiché non dimentichiamo che in “rosa” abbiamo una quindicina di giocatori cresciuti dal nostro settore giovanile, questo è sommamente importante>.

Dunque assicurato anche il futuro oltre al presente? 
<E’ presto per fare bilanci – egli precisa – anche solo parziali, quando pare annunciarsi una situazione equilibrata pure, anzi forse soprattutto perché le squadre genovesi si sono rinforzate a dovere; né ci si può già esaltare per un paio di partite azzeccate in particolare in chiave difensiva>.

Insomma Magrazzurri e Levanto, lassù insieme al Marassi, sono una casualità?
<Tanto meno – egli obietta ulteriormente – è il caso di sottovalutarsi. Tanto per cominciare non dimentichiamo che le compagini della provincia di Genova hanno potuto risparmiarsi quel rallentamento nella preparazione con cui, a causa del virus, abbiamo dovuto fare i conti dalle nostre parti. E nonostante ciò…>.

Andrea Catalani