ROMA- La Via dell’arte di Roma torna a colorarsi grazie alla Mostra Cento Pittori Via Margutta, giunta alla 115esima edizione che inaugura giovedì 29 ottobre dalle ore 18. Quest’anno la manifestazione sarà dedicata al grande attore romano Alberto Sordi che ha saputo prestare il volto all’essenza stessa degli italiani, con tutti i loro pregi e difetti, le loro manie e simpatie, incarnando molto spesso “i romani de Roma”. Nel centenario della sua nascita, proprio lì dove a metà degli anni Cinquanta Albertone nei panni di Ferdinando Mericoni correva nudo sui tetti dopo aver fatto il modello, suo malgrado, per un quadro di una pittrice straniera nel film “Un americano a Roma” di Steno, ritorna l’esposizione en plein air nella famosa Via Margutta. L’esposizione è promossa dall’associazione Cento Pittori Via Margutta al suo cinquantesimo anniversario, patrocinata dal Consiglio Regionale del Lazio, e sarà aperta al pubblico fino a domenica 1° novembre.

Dopo la pausa imposta dal lockdown per il Covid-19 cento artisti tornano in strada e dedicano alla figura di Alberto Sordi opere pittoriche e scultoree. Si istituisce così un dialogo tra le opere e la via che ha ispirato registi, poeti, scrittori e cantanti e ovviamente artisti, gli stessi che giungeranno da tutta Italia e da molti paesi esteri, dall’Olanda, passando per la Russia, fino al Sudamerica. I protagonisti e interpreti della modernità, veterani ed emergenti, si daranno appuntamento con i loro cavalletti ed espositori al Rione Campo Marzio lungo via Margutta, per far rivivere Alberto Sordi attraverso l’arte le sue molteplici espressioni, il suo stile, i suoi personaggi, la sua carriera e la sua vita privata e pubblica.

“La Cultura è uno dei pilastri della ripartenza e siamo lieti di tornare a esporre in via Margutta anche per ridare energie e slancio a uno dei settori più penalizzati in un anno particolare, caratterizzato dal Coronavirus e dal lockdown, periodo nel quale non siamo stati fermi e grazie al virtuale abbiamo mantenuta accesa la speranza e la passione che oggi si concretizza con un omaggio ad un grande appassionato e collezionista d’arte oltre che indimenticato attore italiano: Alberto Sordi – spiega Luigi Salvatori, presidente dell’associazione Cento Pittori Via Margutta, promotrice dell’iniziativa artistica che prese il via nell’autunno del 1953 – nel mese di aprile 2020 infatti la tradizionale mostra di primavera dei Cento Pittori via Margutta non ha avuto luogo ma il Consiglio Direttivo ha deliberato di non interrompere la tradizione e infatti per la 114ª Edizione Storica è stata realizzata per la prima volta nella storia una mostra online, sul sito Centopittoriviamargutta.it – aggiunge Salvatori che conclude – tornare all’aria aperta è importante e altrettanto storico, proprio come la mostra e la nostra Associazione con i suoi 50 anni di vita”.

Dopo questo viaggio digitale (disponibile online: Mostra virtuale) in cui è stato possibile percorrere via Margutta immaginando di visitare le opere degli artisti con lo stesso spirito in cui viene svolta la manifestazione, tutto è pronto per ripopolare il “quartiere degli stranieri” come è stato ribattezzato per la forte presenza, da sempre, di abitanti provenienti da altri paesi. Un aspetto che ha favorito il proliferare di contaminazioni culturali nei costumi e quindi anche nell’espressione artistica. L’ultimo weekend di ottobre e il 1° novembre si preparano ad una manifestazione iconica, da vivere in piena sicurezza e nel rispetto delle norme previste per il contrasto e la prevenzione del Coronavirus ma con lo spirito comico, unico ed esilarante incarnato perfettamente dalla figura di Alberto Sordi, frequentatore di via Margutta non solo in pellicola. Sordi infatti è stato ben più di un amico di Federico Fellini, che visse al civico 110 della via romana insieme alla compagna Giulietta Masina, un’amicizia la loro, che nacque prima che entrambi diventassero l’attore e il regista che tutti conosciamo. Un anno, il 2020, che celebra due icone, Sordi e Fellini, in occasione del centenario delle loro nascite.

L’inaugurazione, i riconoscimenti e i testimonial

All’inaugurazione della mostra, giovedì 29 ottobre alle ore 18 presso l’iconica fontana degli Artisti, il presidente dell’Associazione Cento Pittori Via Margutta Luigi Salvatori e il vicepresidente Antonio Servillo, alla presenza dei consiglieri del sodalizio Giancarlo Calma, Franco Dore, Luciano Fabbrizio, Roberta Imperatori, e Claudia Nardi, consegneranno la targa di Socio ad Honorem dell’Associazione Cento Pittori Via Margutta alle autorità intervenute all’inaugurazione. Verranno quindi insigniti del premio alla carriera e della carica di Artisti soci ordinari onorari i “veterani”: Oscar Tirelli, Giuseppe Marchetta, Nicola Maciariello e Anna Maria Guidantoni, un riconoscimento ai loro meriti artistici e ai numerosi anni trascorsi all’interno dell’associazione.

Il premio alla carriera quest’anno va a Paolo Salvati, poliedrico artista del Novecento e anche portacolori di via Margutta, nato a Roma il 22 febbraio 1939 e scomparso il 24 giugno 2014: pittore italiano, espressionista, ritrattista, miniaturista, restauratore e liutaio per chitarra classica da concerto.

Saranno nominati soci ad honorem: Tiziana Todi, titolare della Galleria Vittoria, la più antica di via Margutta e punto di riferimento di tanti artisti dell’associazione, e Alessandro Filippi, presidente della Fondazione Museo Luigi Magni e Lucia Mirisola presso il museo Civico di Velletri, con il quale l’associazione collabora da moltissimi anni per la diffusione e la promozione dell’arte e della cultura.

Presenti come testimonial l’attrice Edy Angelillo, interprete nel film “In viaggio con papà”, Sergio Giussani, produttore cinematografico di film con Alberto Sordi e Maria Antonietta Schiavina, autrice del libro “Alberto Sordi racconta Sordi”. Tra gli ospiti, soci e amici di via Margutta hanno confermato la loro partecipazione anche Federico Mollicone, ex membro della Commissione Cultura della Camera dei Deputati, e Stefano Tozzi, consigliere e presidente della Commissione Cultura del Municipio Roma Centro.

Tra le autorità confermate presenzierà Sabrina Alfonsi, presidente del I Municipio Roma Centro e già socia ad honorem dell’associazione. Saranno anche presenti Orlando Pocci e Romina Trenta, rispettivamente sindaco e assessore alla Cultura di Velletri, ai quali verrà consegnata una targa onorifica di soci ad honorem per aver ospitato l’associazione Cento Pittori al Polo “Juana Romani”. Parteciperà anche la Fondazione Alberto Sordi, rappresentata dal suo direttore Ciro Intino, con la quale l’associazione condivide le finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale. Uno spazio d’onore sarà allestito a cura dell’associazione “I Vitelloni”, guidata dal presidente Stefano Saliola, che esporrà cimeli significativi della storia artistica di Alberto Sordi.

L’archivio storico di Via Margutta e la citazione nel vocabolario Getty

Tra le iniziative nate durante il lockdown l’Archivio storico cartaceo-digitale documentale e fotografico dei Cento Pittori merita una menzione. La raccolta contiene 60 locandine storiche originali affidate alla Biasa (Biblioteca di Archeologia e Storia dell’arte di Roma), la più importante biblioteca italiana in materia di arte e archeologia e Alla Gnam (Biblioteca della Galleria nazionale d’arte moderna e contemporanea). Recentemente l’Associazione Cento Pittori Via Margutta è stata inserita nel Getty Vocabulary insieme ad altre due storiche organizzazioni dell’arte italiane: la Quadriennale dell’Arte di Roma e la Biennale Internazionale d’Arte di Venezia. La Union List of Artist Names del Getty è un database online di catalogazione, ragionato ed estratto principalmente dalle fonti bibliografiche credibili, depositate e fornite dai contributori istituzionali accreditati, contenente nomi, pseudonimi, varianti lessicali e ortografiche, denominazioni in più lingue e nomi modificatisi nel tempo di artisti e istituzioni note del mondo dell’arte.

Cento Pittori Via Margutta, Roma

La famosa strada di Via Margutta è sempre stata meta preferita degli artisti fin dal Rinascimento. Artisti da tutta Europa cominciarono ad acquistare qui case e ad allestire le proprie botteghe, soprattutto fiamminghi e olandesi, tanto da essere ribattezzato “quartiere degli stranieri”. Dal 1606 vi abitò anche Pieter Paul Rubens, allora appena trentenne. La tradizionale mostra di Via Margutta è nata nel lontano autunno del 1953, nel pieno della “Dolce Vita” celebrata da Federico Fellini, per iniziativa spontanea di alcuni pittori che nell’immediato dopoguerra si riunirono e decisero di dar vita e colore ad una strada che da sempre era stata il rifugio naturale di pittori, scultori, poeti, musicisti ed artigiani. Nel 1970 nasce l’associazione Cento Pittori Via Margutta con lo scopo di tramandare questa tradizione e promuovere un dialogo cosciente tra l’artista ed il pubblico, e di sensibilizzare e catalizzare l’opinione pubblica nelle opere di artisti nella loro maturità professionale, senza però dimenticare di proporre e lanciare il talento di tanti giovani pittori, nella veste di Ospiti.

115° Mostra Cento Pittori Via Margutta (29 ottobre 2020 – 1° novembre 2020)

Inaugurazione 29 ottobre 2020: dalle ore 18,00 presso “La Fontana degli Artisti” in via Margutta 53, Roma

Dal 30 ottobre al 1° novembre: dalle ore 10,00 alle ore 20,00 orario continuato.