ULTIMO AGGIORNAMENTO: 2 settembre 2012 alle 17:19  |   LASPEZIA.OGGI@LIBERO.IT

Vivere dopo l’orrore: gli ex bambini soldato della Sierra Leone raccontati da Wilma Massucco

La Sierra Leone è un piccolo Stato dell’Africa Occidentale, potenzialmente ricco perché offre moltissime opportunità, ma che è stato devastato per oltre dieci anni da una sanguinosa guerra civile. L’orrore più grande della Sierra Leone è stato l’uso dei bambini soldato:  maschi e femmine, reclutati a pochi anni, drogati, sottoposti a ricatti per combattere e uccidere. “O ti diamo in mano una pistola o ti uccidiamo” “Datemi una pistola”, questo racconta un’ex bambina soldato. Oggi quei bambini sono uomini e donne, che grazie all’aiuto del missionario Padre Berton (http://it.wikipedia.org/wiki/Giuseppe_Berton) hanno ripreso a vivere, ma portano nei loro corpi e, soprattutto, nelle loro anime, le terribili ferite di quegli anni da incubo.

Wilma Massucco, laureata in Ingegneria e  giornalista free lance, ci racconta, nel suo documentario “La vita non perde valore”, il recupero difficile di questi ex bambini soldato. Persone che hanno visto tutto l’orrore possibile, ma che ancora vivono e raccontano quello che hanno vissuto, perché serva a loro come catarsi e a noi come insegnamento. I ricordi, gli incubi che ancora oggi li tormentano, ma anche il ritorno alla vita, la speranza, la nuova vita: “La vita non perde valore” è tutto questo e non solo, è un documentario che vuole informare, che ci fa vedere ombre e luci della vita, perché anche in mezzo all’orrore c’è  speranza.

Per questi ex bambini la speranza è stata rappresentata da Padre Berton e dallo psicologo imperiese Roberto Ravera, che, con il loro metodo di ri-educazione , attraverso la scuola e il lavoro, li hanno salvati da quello a cui sembravano destinati, e cioè una vita di violenza e dolore. E’ un documentario duro, doloroso, ma che ci offre anche un barlume di speranza, che ci vuole insegnare che si può sempre riprendere, si può ricominciare perché nonostante la paura, l’incubo, nonostante la cattiveria e le bassezze dell’uomo, la vita non perde valore.

“Chiunque voi siate, qualsiasi azione malvagia possiate aver commesso o comunque siate caduti in basso… la vostra vita non perde affatto di valore” (Sutra del Loto, Insegnamenti orali, Shakyumani, V-VII sec  AC).

Il documentario, autoprodotto, è in vendita a 15 euro (il 20% degli incassi verrà donato a FHM Italia Onlus http://www.fhmitalia.it/IT/FHM_S.L..html) e lo potete acquistare qui: www.bluindaco.org

Uscito da qualche mese, ha già ottenuto diverse recensioni ed è stato selezionato per essere proiettato in alcuni festival.

– selezionato, con il Patrocinio de L’AltraSciacca, sezione Documentari fuori concorso – incontri con l’autore, a Sciacca Film Festival 2012

– inserito come workshop (proiezione + dibattito) nel MEMO – circuito delle scuole di Modena (secondarie e superiori) per l’anno scolastico 2012/2013

– proiezione del  Documentario + dibattito in India, all’Università BAMU di Aurangabad

– selezionato, fuori concorso, per proiezione + dibattito al Lampedusa Film Festival 2012

– accreditato sul sito di Cinema Italiano: http://www.cinemaitaliano.info/lavitanonperdevalore

– il trailer in italiano http://www.youtube.com/watch?v=ipTuqYd0Y7Q

Claudia Bertanza

 

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

domenica 2 settembre 2012, ore 15:54 | © Riproduzione riservata