Emanuela Messina racconta Reazione a catena, l’ironica commedia musicale che ha riempito il Teatro Civico

LA SPEZIA – Un Teatro Civico gremito venerdi 17 gennaio per il debutto di Reazione a catena, un atto unico ad alto tasso d’ironia scritto dall’avvocato Emanuela Messina e con la regia di Maurizia Riccobaldi. Un cast quasi tutto spezzino, decisamente all’altezza nei ruoli e mai noioso, accompagnato da un sestetto jazz d’eccezione (Emilio Soana alla tromba, Andrea Andreoli al trombone, Paolo Barbieri al sassofono, Leo Ravera al piano, Marco Cavanna al contrabbasso, Alessandro Fabbri alla batteria) e un’indubbia attenzione nella scelta di scenografie e costumi, curati nei minimi dettagli, che hanno ricreato perfettamente il sapore e l’idea di un’epoca.

“Una commedia ironica e divertente, ambientata negli anni Cinquanta e scritta intorno al jazz, – spiega l’autrice Emanuela Messina – Questa nuova musica portata dagli americani nell’immediato dopoguerra é stata subito recepita dagli italiani che hanno colto l’occasione per tornare ad uscire, a ballare, ritrovare la voglia di vivere dopo il conflitto mondiale. Volevo rendere l’idea di quell’epoca che per Lerici, città di naviganti, é stata un’epoca d’oro: moltissimi lericini erano arruolati nella Marina Militare o nella Marina Mercantile e tutte le famiglie di naviganti avevano una certa ritualità nel vivere, in particolare avevano un basso profilo quando padri e mariti erano in navigazione, ma al loro ritorno aprivano la casa, tiravano fuori la biancheria nuova, le mogli si vestivano accuratamente… Io ho voluto raccontare anche in modo scherzoso queste abitudini, i tic, i vizi delle famiglie dei naviganti, raccontando questa piccola comunità dove tutto ruotava intorno alla Chiesa e il parroco coagulava dal punto di vista sociale tutte le famiglie del paesino”.

“Avendo scritto una commedia musicale intorno al jazz – continua Messina, appassionata ed esperta del genere, nonché innamorata della sua Lerici –  ho scelto brani in voga in quegli anni ma fruibili anche per un pubblico non educato all’ascolto del jazz”.

Per Reazione a catena sono in programma altre date ed intanto la frizzante Emanuela Messina, già autrice del libro Essenza di Lerici, in cantiere ha già anche altri due progetti per il teatro: una commedia in dialetto genovese e un testo per un’opera più seria che tratta temi quali l’antisemitismo e la dipendenza affettiva.

 

 

Advertisements