Compagnia teatrale dell’Accadente, finalista in scena a Lucca e Pagani con Le Serve di Genet

Importanti traguardi per lo spettacolo Le Serve, commedia tragica scritta da Jean Genet nel 1947, curato e rivisitato dalla Compagnia teatrale dell’Accadente di Forte dei Marmi (LU), per la regia di Luca Brozzo e con tre mirabili interpreti femminili: Gabriella Ghilarducci nel ruolo di Claire, Lucia Menapace nel ruolo di Solange e Patrizia Pucciarelli nel ruolo di Madame

Le Serve (Les bonnes) é un atto unico scritto da Jean Genet nel 1946, una commedia tragica e violenta liberamente ispirata ad un fatto di cronaca che fece molto scalpore nella Francia degli anni 30, il massacro di madre e figlia compiuto con inaudita ferocia da due giovani sorelle che lavoravano al loro servizio.

Genet prese l’efferato omicidio a modello della sua farsa tragica, che Jean-Paul Sartre definì “uno straordinario esempio di continuo ribaltamento tra essere e apparire, fra immaginario e realtà”. Solange e Claire sono due cameriere frustrate e sottomesse, che vivono un rapporto di amore-odio con la loro padrona, l’elegante Madame, che incarna tutti gli ideali a loro negati. In assenza della padrona, le serve si ritrovano ad allestire un ossessivo teatrino, una doppia vita in cui, come bimbe perverse, giocano “a fare Madame”. A turno, vestono i suoi abiti, la imitano e, alla fine del “rito”, la uccidono. Ma ben presto finzione e realtà, nelle loro menti contorte, si sovrappongono.

Lo spettacolo messo in scena dal regista Luca Brozzo é nella rosa dei tre finalisti del Festival regionale Gran Prix Toscana 2019, organizzato da F.I.T.A. – Federazione Italiana Teatro Amatori, che si svolgerà il 16 novembre (ore 21) al Teatro Comunale Idelfonso Nieri di Ponte a Moriano (Lucca). “Una bella soddisfazione – spiegano i componenti della compagnia – e per noi un grande risultato, anche per il sacrificio che ha richiesto la preparazione di questo spettacolo”.

A dicembre sarà invece al Festival di Teatro amatoriale della città di Pagani (Salerno), con la direzione artistica di Alfonso Giannattasio. In gara dodici compagnie provenienti da tutta Italia, scelte su 46 iscritte alle selezioni, che si contenderanno il premio “Bernardo D’Arezzo” per il miglior spettacolo.

 

Paola SETTIMINI

 

 

 

 

Advertisements