Un libro? Perché no. “Non è la fine del mondo”, di Alessia Gazzola. Recensione a cura di Annalisa Serafini

Anche questa settimana vi parlerò di Alessia Gazzola, una delle giovani scrittrici del panorama italiano degli ultimi anni, che ci propone testi non banali o scontati, ma anzi… ben tutto il contrario.
Prima di tutto chi è l’autrice: Alessia Gazzola, nata a Messina nel 1982, è nella vita un medico legale, una moglie ed una mamma, nonché scrittrice italiana, conosciuta soprattutto per i romanzi in bilico tra il giallo e la commedia romantica che vedono protagonista la simpatica aspirante anatomopatologa Alice Allevi (da cui la Rai ha tratto una affermata serie TV con i bravi attori Lino Guanciale ed Alessandra Mastronardi).
Ma il libro di oggi non fa parte di questa serie, ma racconta tutta un’altra storia, in bilico fra realtà e finzione.
Una libro è una divertente commedia romantica di grande freschezza e sensibilità, secondo lo stile che ha fatto di Alessia Gazzola una delle scrittrici italiane più amate e seguite.
Protagonista è la giovane Emma che si sente ultimamente davvero come una delle eroine romantiche dei suoi romanzi preferiti: sola, a lottare contro la sorte avversa e la fine del mondo.
Avvilita e depressa, dopo una brutta esperienza in una società di produzione cinematografica, trova rifugio in un negozio di vestiti per bambini, dove viene presa come assistente. E così tutto cambia. Ma proprio quando si convince che la tempesta sia finalmente finita…il peggio deve ancora venire.
Un romanzo sul mondo del cinema, delle comparse, delle lotte fra sceneggiatori e registi, fra chi sgomita per avere una parte con produttori sempre più incerti e con meno budget disponibili.
Divertente e non banale, questo breve romanzo vi aprirà gli occhi su un mondo luccicante ma spesso falso: quello delle comparse, dei reality e del talento artistico che in Italia sembra di questi tempi ormai tristemente assente.
Buona lettura!
Annalisa Serafini
Advertisements