Presentazione del nuovo libro delle Edizioni Giacché su Giovanni Antonio da Faie venerdì alle 17:30

LA SPEZIA- Un manoscritto quattrocentesco arriva fino a noi, evento davvero raro, permettendoci di conoscere dal “vivo” le vicissitudini quotidiane di un uomo di grande vitalità e forza morale, che riesce ad emergere dalla miseria e dall’analfabetismo dell’infanzia, apprendendo i rudimenti di svariati mestieri per diventare, infine, uno speziale aromatario e cronista.

È da questi documenti antichi di difficile lettura, che nasce il libro “Vita, imprese e ricordi di Giovanni Antonio da Faie (1409-1470) ‘Speziale’ e ‘cronista’ nella Lunigiana del Quattrocento” (Edizioni Giacché) che l’autore, il prof. Marco Biagioni, noto studioso di storia spezzina e lunigianese, presenta venerdì 18 ottobre alle 17,30 nella biblioteca di Casa Massà (via Cadorna 24). L’evento è organizzato dal ‘Lions Club International’, dall’associazione ‘Convegni di Cultura Maria Cristina di Savoia’ e dalle Edizioni Giacché; presentano il volume assieme all’autore, il prof. Roberto Centi, Vicepreside del Liceo ‘Pacinotti’ e il prof. Franco Bonatti dell’Accademia ‘Capellini’.

Un salto indietro nel tempo, dunque, in un’epoca di cui l’autore, seguendo le orme del Faie nell’Italia del Quattrocento, tra la Lunigiana, Spezia e Sarzana e tra Lucca, Firenze e Roma, ci restituisce non solo uno spaccato di vita quotidiana ma anche una preziosa fonte storica sui grandi avvenimenti e sulla loro eco in provincia.

Un mondo irto di pericoli, in cui il protagonista sfuggirà a ben due tentativi di omicidio, e sarà vittima di intrighi che lo porteranno anche in prigione. Vicende che il Faie affronterà con coraggio, intraprendenza e una incrollabile fede in Dio, riuscendo infine a fare fortuna, ottenendo ricchezze, riconoscimenti e onori, in un susseguirsi di avvenimenti appassionante come un romanzo.

 

Advertisements