Baldino, Liguori e Nobili: “Call & Call, la situazione deve arrivare in Commissione”.

LA SPEZIA- Lavoratori davanti alla prefettura, e noi consiglieri non riusciamo a far si che della difficile situazione si parli nelle stanze comunali. Mi riferisco alla situazione evidentemente critica che riguarda la Call & Call, dove molti lavoratici e lavoratori, quasi tutti monoreddito, da un anno e più temono per la sorte dei loro posti di lavoro e pare abbiano subito parecchie penalizzazioni.retributive.

Il pare è doveroso visto che noi consiglieri comunali non abbiamo avuto il “privilegio” di poter audirli in commissione neppure tramite i sindacati che li dovrebbero rappresentare. Audire poi i vertici dell’azienda sembrerebbe equivalere a chiedere un incontro pubblico con il presidente delle Nazioni Unite.

Dal 13 gennaio 2019, giorno della prima richiesta, il commissario Baldino Caratozzolo  chiede la convocazione della commissione consigliare competente che viene regolarmente convocata e poi annullata perché pare non sia mai il momento per ascoltare le parti coinvolte! A giudicare da quanto sia complicato e laborioso  ascoltare qualcuno che ci illustri la situazione e la illustri ai lavoratori ci sarebbe da aspettarsi che presto la Call & Call subentrerà nella gestione di Alitalia o gestirà i centralini della Casa Bianca!

Ora veramente basta! In settimana partirà a nome degli scriventi una nuova richiesta di commissione e se anche questa rimbalzerà nel nulla o troverà deboli scuse da parte dei convocati per sottrarsi dal venirci a relazionare sullo stato delle cose, il picchetto davanti alla prefettura lo faremo noi consiglieri per far presente al  Signor Prefetto che non ci viene dato modo di renderci utili facendo la sola cosa che la politica può fare : essere vicino alla gente in modo indipendente.

Massimo Baldino Caratozzolo
Dina Nobili
Luigi Liguori

Advertisements