Nautica del Parco di Montemarcello Magra-Vara, comunicato di Legambiente

LA SPEZIA- Siamo giunti a conoscenza della polemica assurda fatta dai due Sindaci di Ameglia e Lerici presso la Comunità del Parco di Montemarcello Magra Vara circa l’attuazione del Piano della nautica del Parco.

Soprattutto risulta beffarda la motivazione del Sindaco di Ameglia circa il valore ambientale della località Mammellone.

Il Mammellone “era” senz’altro una zona di alto interesse ambientale: è stata distrutta nel momento in cui si è costruito l’argine di Camisano, dove nonostante il SIC li presente non si è provveduto ad alcuna mitigazione né compensazione della costruzione dello stesso.

Ora in sito sono ricresciute prevalentemente Canne Australiane, infestanti e di difficile eradicazione con la scomparsa dei valori che avrebbero dovuto essere tutelati; sarebbe magari l‘occasione di fare anche finalmente una valutazione di incidenza seria con vere compensazioni.

Sicuramente è urgente in ogni caso recuperare l’area di Riserva Generale Orientata sopra la linea di Navigabilità, degradata dalla presenza dei nove rimessaggi.

Per fare un nuovo Piano della nautica bisognerebbe aspettare un nuovo Piano del Parco: significherebbe rimandare il risanamento di 10 anni come minimo!

Forse interessa solo mantenere lo status quo?

Secondo noi bisogna invece porre mano subito al piano di ricollocazione dei rimessaggi da sopra a sotto la Linea di Navigabilità dando piena attuazione al Piano della nautica.

Il Vicepresidente di Legambiente Liguria Stefano Sarti

Il Presidente del Circolo “Lerici” di Legambiente Giovanni Cortelezzi

Il Presidente del Circolo “Valdimagra” di Legambiente Alessandro Poletti

Advertisements