Spezia, le palle… girano! Indietro tutta altro che…

LA SPEZIA- Doveva essere la partita del rilancio, della rincorsa e invece al “Picco” va in scena un’altra sconfitta: sempre più in basso ma soprattutto c’è sempre più confusione, dalla scrivania al campo e viceversa. Eppure si giocava contro il Trapani, che prima del fischio d’inizio aveva segnato solo un gol e subiti otto. Mister Italiano sembra confuso o forse non è all’altezza di gestire un gruppo giovane, inesperto che stenta nei momenti di difficoltà? Sarà un caso che l’unica volta che lo Spezia sia stato in vantaggio abbia portato a casa una vittoria (a Cittadella)? Boh. C’è contestazione in via dei Pioppi, alla fine della partita: è soprattutto tristezza, delusione e tanta tanta paura di retrocedere. C’è una stagione da salvare e siamo solo a fine settembre. La mia memoria va ad una domenica di anni fa, al primo anno di serie B dell'”era Volpi” (a proposito se ci sei zio Lele batti un colpo per dare una scossa a tutto l’ambiente) quando gli aquilotti all’ora di pranzo furono sconfitti da una imbarazzante e rassegnata verso un’annunciata retrocessione Pro Vercelli: ricordate?

Oggi gli unici lampi se così li vogliamo definire sono di Ragusa e Ferrer.

Adesso serve fare quadrato e già sabato prossimo nuovamente al “Picco” arriva l’ambizioso Benevento di mister Pippo Inzaghi, chissà come finirà. Speriamo che questa emorragia di risultati sia tamponata perché il campionato appena iniziato è lungo ma che sofferenza arrivare a maggio 2020… forza vecchio cuore bianconero aquilotto!

Cristiano Sturlese

Advertisements