Francesco Battistini IIC – S. Andrea: liquami in sale operatorie? Non siamo terzo mondo!

GENOVA- Se in una sala operatoria escono liquami dal pavimento abbiamo un problema grave.

Un ambiente che dovrebbe essere asettico, per preservare il paziente da qualsiasi tipo di rischio nel momento, sempre critico, di un intervento chirurgico.

Liquidi scuri che escono da un pavimento in PVC il cui stato di manutenzione e igiene e’, evidentemente, inadeguato al luogo in cui si trova.

No, non e’ una scena girata in una struttura di un Paese sottosviluppato di qualche area del Terzo Mondo.

Tutto questo accade nella nostra Citta’, nel principale Ospedale della nostra Provincia, il S. Andrea, quella struttura che, nelle intenzioni, nelle parole e nei documenti ufficiali dell’Amministrazione Toti, dovrebbe terminare la sua funzione tra pochi mesi, in occasione dell’inaugurazione del nuovo Ospedale del Felettino.

Ma la realta’ di queste parole e’ impietosamente smentita dalla desolante spianata, priva di qualsiasi attivita’ che ne possa far generosamente immaginare una credibilita’, dove dovrebbe sorgere questa struttura.

Oggi, pero’, non c’e’ piu’ tempo per le strategie dilatorie, per gli annunci roboanti, per le promesse smentite dai fatti e, soprattutto, non ci sono piu’ risorse da spendere per rendere “civile” un’ospedale, il S. Andrea, non piu’ in grado di rispondere alle esigenze del territorio.

In attesa che ci siano tempi e certezze, non solo annunciati ma reali, sul nuovo Ospedale del Felettino, bisogna agire e garantire servizi sanitari adeguati ai cittadini nell’unico modo possibile in tempi rapidi: utilizzare il S. Bartolomeo, in piena sinergia con il S. Andrea, per garantire a tutta la Provincia spezzina tutti quei servizi che oggi il S. Andrea, da solo, non è più in grado di garantire, neppure con l’inaccettabile sequenza di rattoppi a cui e’ continuamente sottoposto.

L’Assessore Viale prenda atto che la sua reticenza a procedere in questo senso, che ha caratterizzato il suo mandato fin dall’esordio, oggi non è più giustificabile a fronte di questi eventi degni, appunto, di realtà il cui grado di civilizzazione non può essere minimamente paragonato a quello della nostra Liguria.

Francesco Battistini

Consigliere Regionale

Italia in Comune

 

Advertisements