Enel, Battistini: “Non si può più procrastinare lo studio epidemiologico”.

GENOVA- Se le malattie cardio-respiratorie alla Spezia sono in aumento ed ENEL afferma che le cause siano da ricercare nello stile di vita degli spezzini è chiaro che ASL debba, in collaborazione con ARPAL, compiere una ricerca dettagliata.
Ormai uno studio epidemiologico non è più procrastinabile. Sono tante le questioni ambientali che preoccupano e che devono, dunque, essere monitorate attraverso uno studio che non può essere di parte. La centrale ENEL è, indubbiamente, uno degli elementi da valutare e porre sotto la lente di ingrandimento anche alla luce di ciò che dovremmo assolutamente evitare: un prolungamento del suo funzionamento e una sua riconversione per l’utilizzo a gas. È necessario appurare con certezza quali siano le cause di mortalità e di incidenza epidemiologica sia nei quartieri della città sia sul territorio della provincia spezzina.
Per questo attraverso un’interrogazione in Consiglio chiederemo alla Regione di intervenire, in sinergia col Sindaco della Spezia e il Presidente della Provincia, affinché venga predisposta un’indagine epidemiologica.

Francesco Battistini
Consigliere Regionale
Italia in Comune
Advertisements