Francesco Battistini IIC – ASL: Governance nel caos?

GENOVA- Sonia Viale, l’Assessore regionale alla Sanità, scrive una lettera di fuoco al Direttore Generale di ASL5. Un fatto accaduto all’indomani della Commissione sulle Cure Palliative di giovedì scorso. La nostra intenzione era quella di scattare una fotografia sullo stato dell’arte e gli investimenti futuri in un settore particolarmente delicato. Siamo però partiti col piede sbagliato. Evidentemente i dati presentati dal commissario straordinario di ALiSa non corrispondevano al vero. Le dichiarazioni di un impegno crescente sul fronte delle cure palliative e di maggiori risorse economiche e umane sono state prontamente smentite dai fatti. Il giorno precedente quella Commissione, in ASL5, è stato deliberato il budget per la struttura guidata dal Dottor Bregnocchi. I medici da 5 sono scesi a 4 e dovranno gestire le cure domiciliari di tutta la provincia, l’hospice e l’ambulatorio ospedaliero. In tutto ciò questa vicenda indica che se non avessimo avuto contezza del taglio di organico applicato da ASL5 nei confronti delle cure palliative in Commissione non sarebbe emerso nulla. Avremo applaudito dati non corrispondenti alla realtà: più 10% di attività nel 2018 e un trend in continua crescita per i prossimi anni. Il fatto grave all’interno di una vicenda da sanare al più presto sta in ciò che è contenuto nella lettera dell’Assessore Viale. Da quelle righe si evince che la Giunta regionale sia, nella migliore delle ipotesi, incapace di governare. Non conosce ciò che viene disposto sul territorio e dunque non è in grado di fare delle scelte mirate e consone. Ora l’appello, al di là delle polemiche, non può che essere uno e ci sentiamo di indirizzarlo tanto all’Assessore quanto al Direttore Generale di ASL5, il dottor Andrea Conti: ripristinate subito l’organico delle cure palliative riportando a 5 il numero di medici. Investite di più e meglio per incrementare il servizio e fateci avere una pianificazione veritiera delle cure palliative e delle terapie del dolore alla Spezia e in Liguria. Noi porteremo la questione in Consiglio con una interrogazione mirata perché pretendiamo risposte ufficiali e rapide.

Francesco Battistini

Consigliere Regionale

Italia in Comune

Advertisements