Un libro? Perché no. “Lui, io, noi” di Dori Ghezzi, Giordano Meacci e Francesca Serafini. Recensione a cura di Annalisa Serafini

In occasione del ricordo dei venti anni dalla scomparsa di Fabrizio De André, la sua compagna di una vita, prende carta e penna e ci racconta il grande cantautore genovese nella vita quotidiana, nei momenti più intimi e personali.
È un libro breve, intenso, intimo e bellissimo, costellato di una miriade di ricordi, aneddoti, passioni;quello che ci regala Dori Ghezzi, raccontando come ha conosciuto Fabrizio nel 1969 alla consegna di un premio, lei giovane ventenne e debuttante nel panorama musicale, mentre lui già famoso, sposato e con il figlio Cristiano.
Il libro è costruito su frammenti di memoria, non ordinati in senso cronologico: infatti il testo è nato come – in parte – sceneggiatura del film prodotto dalla Rai “Fabrizio De André: principe libero”.
Dori racconta poi le origini milanesi della sua famiglia, l’estrazione operaia dei suoi, la guerra e la fuga da Milano. Inoltre gli anni della scuola ed il suo amore per la musica, nato in lei fin da piccola.
L’amore per Fabrizio fu immediato e sincero: anzi lei racconta come per molti testi e musiche lo abbia aiutato e consigliato. Anche quando loro non erano una coppia.
Anzi forse, proprio avere Dori accanto ha significato per De André avere una spalla ed un aiuto su cui contare sempre, sia per la sua carriera da musicista sia per la sua vita personale. Fabrizio che proveniva da una ricca famiglia di origini piemontesi, non ha mai avuto un buon rapporto con i suoi: si è ribellato fin da giovane al padre che lo voleva laureato ed avvocato, per scegliere un’altro stile di vita. Dall’incontro con il giovane amico Paolo Villaggio, nasce l’amore per la musica ed il teatro, ma soprattutto nasce la voglia di ribellione contro la società ricca e borghese in cui era cresciuto, scegliendo la vita ribelle dei quartieri poveri di Genova come delle altre parti del mondo.
Il libro insomma è una miriade di piccoli e grandi ricordi di una vita ed un amore trascorso insieme: sfidando tutto e tutti ed affrontando le critiche dei giornali, per la scelta del divorzio dalla prima moglie, ai tempi un oltraggio alla morale, così come le critiche del mondo musicale.
Fabrizio e Dori, che si chiamavano come coppia con i nomi di Bi e Bo, non è solo una storia bellissima di un amore forte e ribelle e questo libro ne racconta gli aspetti più privati, che molti non conoscono.

Buona lettura!
Annalisa Serafini
Email: annalisaserafini@libero.it

Advertisements