Al CAMeC incontro a più voci dedicato a Rino Mordacci

LA SPEZIA- Mercoledì 17 aprile alle 17, con ingresso libero, il CAMeC ospita un incontro dedicato ad una delle più importanti voci della scultura spezzina, Rino Mordacci (1912 – 2007). Con l’intervento dei curatori Pier Luigi Acerbi, Mara Borzone, Valerio Paolo Cremolini, Marzia Ratti, sarà presentato infatti il volume dal titolo Rino Mordacci hanno scritto di lui (ed. del Porticciolo, La Spezia 2018).

Sarà l’occasione per conoscere e approfondire la lunga attività dell’autore, iniziata a metà degli anni ’30 e terminata nel 2007, con la sua morte, attraverso la presentazione di una preziosa antologia di scritti: 57 fra artisti, critici, scrittori, amici o semplici appassionati hanno raccontato i sessant’anni di lavoro di Mordacci, in ben 187 contributi ordinati cronologicamente, e, in molti casi, avvincenti come un romanzo. I suoi temi sono la fede, il Vangelo, la famiglia, la dimensione manuale del lavoro, la realtà contadina di un passato più immaginato che reale, la guerra e i suoi disastri. Il suo linguaggio plastico, a metà fra realismo ed espressionismo di matrice tedesca, ha assorbito la lezione di Carmassi, di Arturo Martini, di Pericle Fazzini e del primitivismo italiano; è colto e profondo, in contrasto con la sua personalità schiva, lontana solo in apparenza dalle correnti coeve.

Advertisements