YABAI da Bacchus martedì 12.

LA SPEZIA- Martedì 12 marzo alle ore 21,30 l’osteria Bacchus è lieta di ospitare un quartetto jazz d’eccezione: YABAY, formazione capitanata dal giovane ed apprezzato talento il pianista Giulio Stermieri. Yabai in giapponese è il pruno selvatico, immagine ricorrente in molte culture orientali per la sua fioritura precoce, che anticipa la primavera.
Il quartetto nasce dall’incontro del sassofonista Giovanni Benvenuti con Giulio Stermieri, Martino De Franceschi e Federico Negri (rispettivamente a pianoforte, contrabbasso e batteria) già attivi come piano trio da alcuni anni.
Yabai esegue un repertorio costituito principalmente da nuove composizioni del pianista, concepite proprio per questa formazione. Nel confronto con le molteplici tradizioni del jazz d’oggi il quartetto ricerca un linguaggio condiviso e originale, che non vuole lasciare in secondo piano una dimensione sonora di impatto espressivo.
A seguito del concerto verrà proposta la tradizionale Jam session.
Giovanni Benvenuti, sax tenore
Giulio Stermieri, pianoforte
Martino De Franceschi, contrabbasso
Federico Negri, batteria
Giulio Stermieri Pianista, hammondista e compositore, studia presso il Conservatorio “A. Boito” di Parma Pianoforte Jazz con Alberto Tacchini e Roberto Bonati, Composizione con Fabrizio Fanticini. Partecipa a diversi seminari, tra cui Siena Jazz e Tuscia in Jazz, ed ai laboratori d’improvvisazione di Piero Bittolo Bon, Stefano Battaglia, Mats Gustafsson.
Attivo in ambito jazz, dal 2011 suona nel quartetto jazzrock Foursome, con cui nello stesso anno registra un EP di sue composizioni, “GUUGUUBARRA”. Trasmessi da emittenti nazionali, riscuotono ottime recensioni dalla critica di settore. Al secondo disco della band, di prossima uscita, collaborano Gaia Mattiuzzi, Cristiano Arcelli ed Andrea Rovacchi.
Altre formazioni stabili sono il duo con il trombettista Flavio Zanuttini ed il trio Agane, con Elsa Martin, voce, e Simone Di Benedetto, contrabbasso. Fa parte inoltre della Fragile Orchestra diretta da Luca Perciballi.
Dal 2013 è membro di The Assassins di Francesco Cusa (insieme a Giovanni Benvenuti al sax tenore e lo stesso Zanuttini), con cui si esibisce in club e festival in Italia, Francia, Olanda e Slovenia. Con Cristiano Arcelli al sax contralto, la band registra “Love”, pubblicato nel 2015 da Improvvisatore Involontario.
Come compositore he eseguito sonorizzazioni dal vivo di cortometraggi, ha collaborato e collabora con registi ed associazioni legate al teatro ed alla danza, guidando piccoli ensemble da camera nella realizzazione delle musiche di scena.
Advertisements