Spezia, le palle… girano! Tabù Adriatico anche a Pescara

PESCARA- Niente da fare, altra sconfitta nel versante Adriatico per lo Spezia di mister Marino. Dopo Ascoli anche a Pescara, come nel girone di andata, i ragazzi di Pillon, ex aquilotto hanno prevalso sugli aquilotti. Purtroppo lo Spezia è sembrato lento in fase di manovra, pur disputando sempre la gara a viso aperto e giocando. Gli episodi hanno girato per il verso giusto nei confronti dei padroni di casa, resisi più concreti. Poi con l’espulsione per doppio giallo a Da Cruz la partita si è chiusa virtualmente già abbondantemente prima del triplici fischio. Il neo entrato Okereke ha dato filo da torcere alla retroguardia pescarese, ma oggi evidentemente non era giornata. Pesa come un macigno invece l’infortunio a Mastinu. Marino lo ha messo in campo finalmente, dopo quasi un anno di stop per il grave infortunio ma pochi minuti sono bastati per rivederlo a terra ahimè dolorante. Il destino si è davvero accanito contro il giocatore sardo. In bocca al lupo.

Per il resto lo Spezia credo che sia questo: da settimo, ottavo posto, tutto ancora da confermare con la classifica corta che avrà negli scontri diretti la chiave di lettura per i playoff.

Sabato intanto alle ore 18 al “Picco” arriva il Padova, imbottito di vecchie conoscenze spezzine (Lollo, Ceccaroni, ecc…) c’è da vincere malgrado diverse assenze in casa aquilotta.
Forza Spezia!

Cristiano Sturlese

Advertisements