In Sala Dante sabato 12 il MoVimento 5 Stelle spiega la Manovra del Popolo.

LA SPEZIA- Il M5S La Spezia organizza sabato 12 gennaio, dalle ore 17 in Sala Dante, via Ugo Bassi, un evento importantissimo, che va ben oltre i confini della nostra città, per informare i cittadini, le associazioni e chiunque voglia partecipare sui reali contenuti economici della Manovra del Popolo.
Da mesi, infatti, riceviamo numerose richieste di chiarimenti da moltissimi cittadini su queste misure, perché la continua diffusione di fake news che si leggono e si ascoltano confonde le idee e rende dubbiosi coloro che non hanno una salda conoscenza dei vari aspetti della Manovra.
Cui prodest questa incertezza, questa confusione che finisce per sfociare nello sconforto o, peggio, nel rigetto? Sicuramente non ai cittadini, che hanno il diritto di informarsi e di essere informati soprattutto da chi è preposto alle Istituzioni. Sicuramente non a noi, che siamo dalla parte della gente, con la gente, tra la gente. Probabilmente ad altri, i cosiddetti “poteri forti”, che sono interessati a mantenere lo status quo.

Per dissipare ogni dubbio e dare un’informazione corretta e veritiera, avremo con noi il Vice Ministro dell’Economia Laura Castelli, il Presidente della Commissione Bilancio del Senato Daniele Pesco e il Consigliere economico del Ministero del Lavoro Pasquale Tridico, che illustreranno in breve tutti i provvedimenti e potranno rispondere ad ogni domanda. Saranno presenti anche diversi parlamentari e Consiglieri regionali, tra i quali Roberto Traversi (deputato e membro della Commissione Difesa e della Commissione Ambiente, territorio e Lavori pubblici), Marco Rizzone (deputato e membro della Commissione Attività produttive, commercio e turismo), Alice Salvatore, Marco De Ferrari e Fabio Tosi (nostri portavoce in regione), nonché le consigliere comunali spezzine Donatella Del Turco e Jessica De Muro.

Nutriamo fervide speranze che i partecipanti siano numerosi, non importa se simpatizzanti o no del M5S. Non organizziamo un evento di tale portata per fare campagna elettorale e per chiedere voti, ma solo perché i cittadini, appunto, “conoscano“. Siamo convinti, infatti, che informarsi, conoscere, capire siano la via più sicura per rielaborare e scegliere, senza essere distratti o, peggio, condizionati e manovrati da altri, magari proprio da colui (o coloro) “cui prodest“.

Advertisements