Acqua mediatrice di comunicazione

La Spezia – Si è svolto alla Spezia presso la Sala Consiliare della Provincia della Spezia il Convegno dal titolo: “Acqua mediatrice di comunicazione” e Università di Genova: dati di una ricerca”, per presentare i risultati di una ricerca sperimentale, condotta dal DISFOR, sullo sviluppo delle abilità sociali in bambini con Disturbo dello spettro autistico. Un convegno che vede l’Istituto Comprensivo Isa 2 scuola capofila del progetto.

Abbiamo incontrato il dott. Silvano Solari.

 

Una sperimentazione durata un paio di anni, con una decina di bambini autistici inseriti nel progetto, voluta dalle referenti del progetto di acquaticità Paola Vicari e Alessandra Bonamini, che ha avuto il coinvolgimento della professoressa Mirella Zanobini, professore ordinario dello sviluppo presso Disfor, dello psicologo psicoterapeuta Silvano Solari e della laureanda in psicologia dello sviluppo Francesca Ottonelli. Il Progetto provinciale scolastico in rete “Acqua mediatrice di comunicazione”, ideato nell’anno 2000 da Sabrina Leopizzi e Paola Vicari, dedicato a Sabrina Leopizzi, anche quest’anno è ripartito e coinvolge 50 alunni con autismo provenienti da 17 scuole di ogni ordine e grado della nostra Provincia. Le attività in acqua si svolgono in orario scolastico dal mese di Ottobre fino a Maggio, presso la Piscina Comunale del “2 Giugno”(Venerdì) della Spezia e presso la piscina Dimensione Fitness- Lagoscuro 3/A di Vezzano Ligure (Mercoledì) Il Progetto prevede un percorso educativo realizzato attraverso attività individuali e di piccolo gruppo, con lo scopo principale di ricercare un sistema di comunicazione condiviso, tra l’adulto e il bambino, considerando che il linguaggio verbale non può essere il canale di comunicazione privilegiato, in quanto tutti i tipi di linguaggio concorrono alla strutturazione dinamica e aperta del pensiero. Il mediatore di comunicazione, che permette di costruire un contesto educativo alternativo e stimolante per questo tipo di attività è l’acqua, che accoglie, sostiene, culla, diverte, permette di accorciare le distanze tra le persone e stimola nuovi apprendimenti. Lo staff per l’attività in acqua è composto da: Magda Inversini, Margherita Mori, Eddi Oniboni, Virginia Cattoi, Simona Dittamo, Sara Di Carlo, Diego Del Mancino, Giulia Bianchi, Simone Bianchi e Federica Granato. La rete scolastica è formata da bambini provenienti da:ISA 1, 2, 5, 8 della Spezia, ISA 9 Porto Venere, ISA 10 Lerici, ISA 11 Vezzano Ligure, ISA 12 S. Stefano, ISA13 Sarzana, ISA18 Arcola-Ameglia, ISA20 Bolano-Ceparana, ISA21 Follo, ISA22 Brugnato, Liceo “ G. Mazzini”, Istituto Capellini/Sauro e Liceo Artistico Cardarelli della Spezia. Nel corso degli anni abbiamo avuto l’appoggio di Enti pubblici, Associazioni e Aziende private che ci hanno sostenuto in vario modo, sia concedendoci il patrocinio, sia fornendoci contributi economici. Il contributo di ognuno ha reso possibile la crescita del progetto e la sua radicazione nel territorio. Quest’anno ringraziamo per il loro sostegno: l’USP della Spezia, la Provincia e il Comune della Spezia, la Contship, la Tarros, l’Autorità portuale, la Consulta disabili provinciale, il Lions Club Roverano, il Panathlon, la Banca Versilia Lunigiana e Garfagnana, il CONI, la Piscina Dimensione Fitness- Lagoscuro di Vezzano.

Advertisements