Palio del Golfo. L’Assessore Casati risponde al Comitato delle Borgate

LA SPEZIA- Anche l’Assessore con delega al Palio del Golfo, Kristopher Casati, ha risposto a mezzo stampa al Comitato delle Borgate, elencando tutte le spese sostenute dal Comune in supporto all’evento più importante della città.

“Rispondo volentieri alle accuse che il Comitato delle borgate ha rivolto anche al Comune della Spezia a mezzo stampa. Mi dà l’occasione per fare chiarezza. Sarei, infatti, dispiaciuto se qualcuno cadesse nel tranello della solita sterile polemica politica” scrive Casati “Mi spiego meglio. Come ben sa il Comitato, il Palio del Golfo è una delle manifestazioni su cui l’amministrazione ha sempre destinato considerevoli risorse e non si è mai tirata indietro per sostenere spese extra, quindi oltre il contributo assegnato, per la sua realizzazione. Una manifestazione, peraltro, che unisce il Golfo intero. Oltre ai 115 mila euro, contributo 2018, infatti e solo a titolo di esempio, il Comune della Spezia ha speso: 10.640 euro per diritti di Siae relativi al concerto del 93° Palio del Golfo, 9.000 euro per pontone galleggiante, 28.000 euro per lo spettacolo pirotecnico e 11.999 euro per montaggio palco e service audio palio 2019, oltre alle ricerca di numerose sponsorizzazioni. Queste cifre, come detto, ma intendo ribadirlo, sono tutte spese accessorie che non rientrano nel contributo del Comune ma che hanno reso possibile, anche quest’anno, lo svolgimento delle manifestazioni legate al Palio”.

Casati elenca tutto ciò che è stato riconosciuto da Palazzo civico al Comitato a seguito della prevista rendicontazione,  ossia 57.500 euro pari a metà del contributo totale con mandato di pagamento datato 20 giugno 2018 e 25.000 mila euro come contributo dell’Autorità di sistema portuale del Mar Ligure Orientale pagati il 2 agosto 2018. “La seconda tranche del contributo dell’Autorità di sistema portuale, pari a 25 mila euro è arrivata il 10 dicembre 2018, ossia 2 giorni fa e – garantisce Casatisarà pagata, così come la restante parte di contributo del Comune pari a 57.500 euro a gennaio 2019. Pagamenti che avvengono con le stesse modalità da anni, da decenni. Una parte viene liquidata nell’anno in corso e il saldo viene effettuato nei primi mesi dell’anno successivo. Nulla è cambiato. È così da sempre, le attività non si sono mai interrotte e il Palio di Natale si è sempre disputato”.

Per completezza di informazione – aggiunge Casatisottolineo che anche per l’edizione del Palio 2017, quindi il 92°, il Comitato ha ricevuto la prima tranche di pagamento l’8 giugno 2017 e la seconda il 14 marzo 2018. Sottolineo che anche questa volta le attività non si sono mai interrotte e il Palio di Natale si è sempre disputato. Sono rammaricato di apprendere che il Comitato abbia deciso di non svolgere il Palio di Natale o di interrompere le attività. Ovviamente noi rispondiamo per il Comune della Spezia ma la decisione di sospendere ogni attività non può e non deve ricadere sulla nostra amministrazione ma credo che si possa attribuire al Comitato stesso. Spero che questo non sia invece un tentativo di speculazione politica perché a farne le spese sarebbe la città, i cittadini, il Golfo ma soprattutto i borgatari, vera anima del Palio del Golfo”.

Advertisements