Comitato Quartiere Umberto I: “Massima fiducia nelle forze dell’ordine, ma la sicurezza resta una priorità”

LA SPEZIA- ll nostro Comitato è nato per risolvere le problematiche di degrado urbano e sociale in cui da anni la negligenza delle amministrazioni ha portato il nostro quartiere. Ed abbiamo da subito cercato di instaurare un rapporto di stimolo e collaborazione con le Istituzioni, partendo proprio dalle questioni legate alla sicurezza, dove la situazione risultava fuori controllo. In questi anni attraverso periodici incontri, esposti e costanti segnalazioni abbiamo, come Comitato, tenuto alta l’attenzione e suggerito e incoraggiato l’adozione di misure che in parte si sono andate attuando. Il nostro quotidiano impegno sul territorio e il naturale rapporto di osmosi con la cittadinanza ci fanno riscontrare come la situazione, pur con alcuni significativi passi avanti sul piano repressivo, resti molto critica. Piazza Brin e le vie limitrofe continuano ad avere la caratteristica di luoghi mal frequentati, le attività anomale (come minimarket e circoli) sulle quali abbiamo più volte suonato il campanello di allarme seguitano a fare da catalizzatori di comportamenti molesti e irregolari, i fenomeni di occupazione abusiva di alloggi Arte non si sono affatto arrestati. Questo per citare alcuni esempi. Chiediamo pertanto alle forze di pubblica sicurezza un sempre maggiore impegno e sempre più avanzate sinergie nel presidiare il territorio e nel dare seguito alle richieste d’intervento dei cittadini. In tal senso rinnoviamo il nostro invito alle autorità cittadine a intervenire ad un’assemblea pubblica nel quartiere, per un confronto aperto con la cittadinanza sulle problematiche ancora pendenti e sulle prospettive di lavoro per la loro risoluzione.
Per Il Comitato Quartiere Umberto I
Il Presidente
Jacopo Schiffini

Advertisements