Considerazioni sull’intervista rilasciata da Lorenzo Forcieri alla stampa.

LA SPEZIA- Alcune considerazioni relative alle dichiarazioni dell’ex Presidente dell’Autorità Portuale Lorenzo Forcieri, oggi consigliere comunale alla Spezia.

Questo attuale consigliere del comune di La Spezia cerca di far coincidere alcune cose positive del passato ad altre dannose e proposte e negative del passato e del presente e di rischi irreversibili sul golfo dei poeti per la insostenibilità ambientale,terrestre,marittima ed atmosferica.

Alcune scelte pericolose sotto il profilo futuro dell’occupazione e della salute dei cittadini,in parte già compromesse da alcune scelte sciagurate del passato a cui ha partecipato clamorosamente anche la ex Autorità Portuale negli 8 anni del suo mandato.

Forse sarebbe meglio riflettere sulle inchieste in corso attivate dalla Magistratura su presunte illegittimità operate dall’A.P. negli anni compresi tra il 2009 e il 2016 in cui il massimo responsabile era il Presidente dimissionario.

Guardandosi intorno in qualche paese Europeo forse il responsabile istituzionale,dopo le oscure vicende, non avrebbe mai avuto accesso a cariche e mandati pubblici per rispetto alla civiltà del paese.

Ed ecco che ancora oggi ci troviamo davanti alle solite sviolinate e alle solite manie di grandezza che ripropone la grande città con il grande porto nonostante le realtà dei danni comprovati e sicuri di quanto tale porto costituirebbe alla nostra città, al nostro mare ed al nostro Golfo dei Poeti senza un minimo di bilancio circa i costi ed i benefici e senza considerare che il nostro territorio è più portato per il turismo, la cantieristica e la nautica che portano alla provincia una percentuale di lavoro ben oltre il 2% di quello che porta il Porto.

Siamo convinti che guardare avanti sia positivo mentre sia sbagliato vivere alla giornata con promesse che non reggono sul progetto dell’occupazione, dello sviluppo e sull’ambiente.

Rita Casagrande (Quartieri del Levante) e Franco Arbasetti (V.A.S. Onlus)

Advertisements