Crollo Ponte Morandi, le ultime notizie.

GENOVA- E’ stato nominato questa mattina, come preannunciato ieri, il pool di esperti che affiancherà la struttura commissariale presieduta dal presidente di Regione Liguria e commissario per l’emergenza Giovanni Toti e incaricata di realizzare i primi interventi urgenti a seguito del crollo del ponte. Cinque i tecnici individuati: Stefano Pinasco, ingegnere del Comune di Genova, Enrico Zio ingegnere del Politecnico di Milano, Emanuele Gissi e Alessandra d’Errico, rispettivamente ingegnere e architetto del Corpo dei Vigili del Fuoco, Pietro Croce, ingegnere del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici. La commissione di esperti non avrà alcun potere ispettivo, ma di supporto alle decisioni del sindaco del Comune di Genova e del Commissario delegato per l’emergenza.

“Giovedì porterò in giunta regionale il modulo che i nostri uffici stanno ultimando per la richiesta, entro 30 giorni, del risarcimento danni, diretti e indiretti, subiti da aziende, imprese artigiane ed esercizi commerciali a seguito del crollo del Ponte Morandi. Inoltre, sta continuando il lavoro di mappatura delle imprese coinvolte non solo nella cosiddetta “zona rossa”, ma anche nel resto della città, area metropolitana e territorio regionale”. Lo annuncia l’assessore regionale allo Sviluppo economico Andrea Benveduti. “Accolgo con soddisfazione – prosegue l’assessore Benvedutil’annuncio fatto da Autostrade oggi in merito alla disponibilità di rimborsi alle imprese locali, venendo incontro a quanto da noi richiesto fin da subito: con l’assessore al Commercio del Comune di Genova Paola Bordilli e la Camera di Commercio di Genova, siamo pronti a un confronto con Autostrade per meglio comprendere l’entità prevista dei rimborsi e le modalità. In queste ore, inoltre, il personale della Camera di Commercio, della Regione e del Comune, nei due point informativi e attraverso il numero verde 800 681121, sta raccogliendo segnalazioni e dando una prima assistenza alle imprese in questi giorni di emergenza: colgo l’occasione per ringraziare tutti coloro che sono impegnati nel fornire risposte tempestive e puntuali al nostro sistema economico, dando un contributo fondamentale per far ripartire la nostra città dopo il dramma”.

“C’è chi parla troppo, fa poco, e mistifica la realtà. Il Ministro Luigi Di Maio sa bene che al di là delle chiacchiere quel ponte è ancora oggi nella concessione di Autostrade. Quindi è Autostrade che deve pagare la ricostruzione e presentare un piano lavori. Che poi lo possa fare Fincantieri o un’altra azienda di Stato, già abbiamo detto di essere tutti d’accordo”. Cosi risponde in una nota il Presidente della Regione Liguria Giovanni Toti al Vicepremier Di Maio in merito alla ricostruzione del Ponte Morandi.  “Quindi – prosegue Toti – Autostrade dia l’incarico di costruire il ponte ad un’azienda pubblica. O Genova e la Liguria devono aspettare anni di liti giudiziarie, o anni di dibattito parlamentare per riavere il proprio ponte? Grazie a ragionamenti come questo qualcuno ci ha già fatto perdere tante opportunità, vedi la Gronda. Non si onora la memoria delle vittime ritardando la ricostruzione del ponte. Dal Governo mi aspetto fatti, non parole, men che meno polemiche”.

Advertisements