Francesco Battistini e Juri Michelucci: Temperatura locali S.E.R.T. Sarzana rovente, intervenga la Regione.

SARZANA- Questa mattina abbiamo fatto un sopralluogo al SER.T. di Sarzana, il servizio territoriale che si occupa di trattare le dipendenze. In questa struttura, situata in via Alighieri a Sarzana, opera un team di specialisti, medici, psicologi e infermieri, che si dedica alla presa in carico del paziente affetto da ludopatia, alcolismo, tabagismo e tossicodipendenza. Come altre strutture territoriali di ASL5 anch’essa, in questi giorni, è rovente.

Anche in quei locali manca, infatti, l’aria condizionata e la temperatura, nonostante i ventilatori, da metà mattinata in poi, sale vertiginosamente. Nella piccola stanzetta in cui viene somministrata la terapia ai pazienti tossicodipendenti si superano abbondantemente i 30 gradi. Pochi metri quadrati dove convivono macchinari, computer e una media di 3 operatori in servizio, e l’aria si fa irrespirabile specie quando il SER.T. rimane aperto tutta la giornata.

In quella stanza, tra l’altro, sono conservati i medicinali e ci pare lecito chiederci se i principi attivi, con temperature così elevate, possano rischiare di deteriorarsi e perdere così la loro efficacia. Il Decreto Legislativo 81/2008 parla chiaro sui rischi per i lavoratori e la qualità delle prestazioni offerte in relazione alla temperatura dei locali in cui si opera.

Per questo siamo sempre più convinti che sia necessario predisporre un piano regionale per monitorare lo stato delle strutture sanitarie, non solo spezzine ma di tutta la Liguria, e degli impianti di trattamento e condizionamento dell’aria.

Questo è ciò che chiederemo, in Consiglio Regionale, all’Assessorato alla Sanità nell’interesse degli utenti e dei lavoratori che operano nelle ASL liguri.

Francesco Battistini

Consigliere regionale

Rete a Sinistra/liberaMente Liguria

Juri Michelucci

Consigliere regionale

Partito Democratico

Advertisements