Villaggio del Palio, poco appeal e molto malumore

LA SPEZIA – La storica passeggiata Morin é uno dei luoghi simbolo della nostra città, frequentatissima anche nelle fredde e ventose giornate invernali, perché chi è nato e cresciuto alla Spezia non puo fare a meno di godersi il suo mare, il suo profumo e la sua bellezza in qualunque stagione. Da un lato il mare e dall’altro i meravigliosi giardini ottocenteschi, progettati in un periodo storico in cui il verde pubblico veniva incrementato e curato, a differenza di questi tempi moderni che troppo spesso vedono scellerati amministratori locali che il verde pubblico lo abbandonano al degrado oppure lo  eliminano direttamente con abbattimenti selvaggi di poveri alberi inermi.

Comunque parliamo della Passeggiata Morin, da sempre anche protagonista assoluta del Palio del Golfo, tant’è  che da alcuni anni ospita il “villaggio del Palio”, con stand di vario genere, dal cibo all’oggettistica varia. Quest’anno,  però, è  stato deciso di mettere una “barriera” di container sulla bella passeggiata, adibiti a stand. Mancavo dalla Spezia da qualche settimana, quindi mi era sfuggita questa iniziativa. Arrivo e transitando da Viale Italia non riesco a vedere il mare. Vado sulla passeggiata e mi domando se i container sono una presa in giro in una città che di fatto è già stata scippata di una bella fetta di territorio da questi scatoloni di ferro. Mi viene in mente il Trentino dove i tradizionali mercatini di Natale sono ospitati in deliziose e caratteristiche casette di legno. Il paragone con i cassoni ferrosi é imbarazzante, fanno venire caldo solo a guardarli e sono opprimenti. E infatti spezzini e vacanzieri disertano, il villaggio del Palio è poco frequentato. Non piace.

Chiaramente chi ha affittato quegli spazi, pagandoli profumatamente (si parla di cifre fino a seimila euro più iva) é abbastanza arrabbiato, lamenta la mancanza di eventi di un certo livello in grado di attrarre un pubblico ampio ed anche la carenza di comunicazione. Ai seimila euro poi si sommano altre spese: affitto di appartamento per chi viene da fuori, spese per evenuali dipendenti, etc etc.

Infine due parole sulla sicurezza: è abbastanza chiaro a chiunque che in caso di incidente o di attentato terroristico, la barriera di container ostacolerebbe qualunque azione, dal deflusso delle persone allo scorrimento dei mezzi di soccorso.

Paola Settimini

 

Advertisements