Comiti, Filcams: “Il sindacato ha fatto il possibile per i lavoratori del Castello di Portovenere”.

PORTO VENERE- “La CGIL ha fatto tutto il possibile per supportare i due lavoratori ex Cooperativa Lentisco di Portovenere”. Cosi Luca Comiti, Segretario Filcams della Spezia, che continua: “Non appena i due lavoratori si sono rivolti a noi, ovvero il giorno prima del subentro della nuova azienda, 29 giugno, abbiamo immediatamente contattato l’azienda subentrante e abbiamo lavorato per modificare le condizioni in essere del contratto, con la trasformazione da tempo determinato ad indeterminato. Inoltre, abbiamo provveduto ad assicurare il passaggio al livello superiore per i due lavoratori dopo un primo periodo. Purtroppo, le condizioni del bandi di gara per la sorveglianza del Castello di Portovenere prevedevano il passaggio dal contratto delle cooperative sociali a quello del portierato, questo ultimo fortemente peggiorativo a fronte di un bando di gara al ribasso. Il vero problema sta, come sempre, nelle logiche peggiorative che sottendono agli appalti al ribasso, come più volte denunciato dalla Filcams CGIL.”

Advertisements