Pitelli omaggia Giacinto Gelsi.

LA SPEZIA- La proloco pitellese, insieme alla Fondazione Giacinto Scelsi e al TMO, ha deciso di omaggiare l’artista in una serata c/o il giardino della Proloco .

Giacinto Scelsi: quel pitellese per caso, la cui musica è stata scoperta tardivamente, ma che con la sua opera ha sicuramente imposto una riscrittura della musica contemporanea sarà omaggiato quindi nel suo paese natio.
Giacinto Scelsi nasce infatti a Pitelli 8 gennaio 1905, allora frazione di Arcola e in seguito aggregata al Comune della Spezia, da Guido Scelsi, all’epoca Tenente di Vascello, proveniente da una famiglia di origine siciliana che aveva avuto un ruolo di spicco nelle vicende dell’Unità d’Italia, e da Donna Giovanna d’Ayala Valva, originaria di Taranto.

Ad omaggiarlo sarà il TMO, l’unità di musica sperimentale fondata nel 2015 da Andrea Campanella e Daniele Virgilio da tempo dedita alla creazione di improvvisazioni di ispirazione concretista ed elettronica che hanno caratterizzato la ricerca musicale di Scelsi. Sara’ un omaggio consapevolmente umile, che non azzarderà accostamenti indebiti né tantomeno tentativi di emulazione, ma che cercherà di assumere concretamente alcuni importanti insegnamenti scelsiani.

Una musica urbana e periferica, al di fuori delle accademie, libera da schemi e lontana dai luoghi dell’ufficialità. “In assenza di direzione”, senza partiture e senza tecnica. Sarà una lezione di Scelsi, un omaggio, di una “musica nuda” sarà un modo per la comunità del borgo di conoscere il suo “concittadino ribelle“.

Advertisements