Stazioni del Molo Pagliari, si rispettino i vincoli del Ministero.

LA SPEZIA-  I Quartieri del Levante e la VAS Onlus hanno inviato al Comune della Spezia, all’Autorità Portuale e alla Soprintendenza per i Beni Architettonici della Liguria una lettera avente a  oggetto <<Monumento commemorativo con bando denominato “La Spezia Porta di Sion”>>. 

Gli scriventi vogliono segnalare che la proposta di uno specifico Percorso Didattico Espositivo a Stazioni (quasi una Via Crucis) da realizzarsi lungo il perimetro  del molo stesso deve, in modo imprescindibile, rispettare quanto espresso, in modo vincolante, nella nota del Ministero dei Beni e delle attività Culturali,Paesaggistici e del Turismo. La Direzione Regionale per i Beni Culturali e paesaggistici della Liguria ovvero MBAC-SBAP-LIG.U PROV SP 0030836 21/11/2013  CL.34.19. 06/38.19 infatti recita “[… ] si ritiene necessario che il molo sia liberamente fruibile senza alcuna limitazione di accesso […]”. Per quanto sopra, il progetto esecutivo della Testimonianza deve assolutamente evitare sul percorso perimetrale pubblico insediamenti e strutture in rilievo ed ostacolanti, bensì avere delle immagini del ruolo sostenuto, sul piano pedonabile , perfettamente visibili per narrare il ruolo del molo Pagliari.

Advertisements