“Sarzana, che botta!” entra nella campagna elettorale con alcune domande ai candidati.

SARZANA– Il Comitato Sarzana, che botta! fa il suo ingresso nella campagna elettorale. Non ci entra per appoggiare qualche candidato a sindaco, ma per proporre temi rilevanti per la città che per ora non sono stati affrontati e che sono stati terreno d’impegno dell’associazione: ambiente, qualità urbana, tutela della salute, del territorio e delle sue specificità e della sua storia. E’ convinzione del Comitato che la lotta al degrado urbano passi per una buona organizzazione  urbanistica della città.I temi da proporre ai candidati sono stati raggruppati in tre sezioni: Piano Botta e Marinella; Piano urbanistico e Piano del traffico; inquinamenti, salute e gestione dei rifiuti.

L’invito ai candidati è di dare risposte secche e concrete. Saranno pubblicate settimanalmente sul sito www.sarzanachebotta.org.

Ovviamente il Comitato è partito dal Piano di via Muccini e piazza Terzi e da Marinella, vere emergenze non solo urbanistiche, che hanno ripercussioni pesanti sulla vita sociale.

Piano Botta: cosa intendete fare degli scheletri? Come riorganizzerete piazza Terzi?

E’ il biglietto da visita della città per chi viene dall’autostrada, dalle Varianti, dalla Stazione FS

Nel 2009 avevamo denunciato le volumetrie eccessive. Oggi il fallimento della previsione di Piano è sotto gli occhi di tutti. I permessi di costruire sono scaduti. Col nuovo PUC si può ripensare l’area. Intendete confermare il Piano, consentendo di realizzare sul lato sinistro la stessa colata di cemento e mattoni rossi, il palazzo ad arco retto su via Muccini come ingresso alla città, il palazzo cilindrico di dieci piani?

Se ritenete di “alleggerire” l’impatto, quale orientamento avete per gli scheletri di cemento abbandonati da tre anni, per l’invaso già realizzato per i parcheggi interrati?

Erano previsti 33 alloggi sociali, sono già stati erogati finanziamenti pubblici per quasi un milione di euro, la convenzione non è stata rispettata. Come intendete affrontare il problema?

Piazza Terzi, vecchio mercato, stazione bus, park interrato (450 posti, standard urbanistici di legge), collegamento tra le Varianti e la stazione FS: la parte pubblica del Piano Botta è fallita. Quella parte della città e l’area oltre la ferrovia sono le più degradate con i fenomeni di delinquenza che conosciamo. Come proponete che debbano essere ripensate (viabilità da e per la stazione FS, 450 parcheggi pubblici, aree verdi, destino vecchio mercato …)?
E’ necessaria una stazione bus a Sarzana col deposito ATC a un chilometro?

Con quali risorse finanziarie pensate di risanare l’area dopo che sono stati bruciati cinque milioni di euro di oneri di urbanizzazione?

 Marinella – Tenuta agricola, borgo storico e spiaggia bene comune

Abbiamo proposto l’inserimento di Marinella nel Parco Magra. Riteniamo l’unicità del paesaggio, la qualità ambientale, la storia occasioni di sviluppo da sfruttare, anche attingendo ai finanziamenti europei di settore. Siete d’accordo?

La spiaggia dei sarzanesi … E’ vero, le spiagge sono un bene comune. Non a Sarzana. La spiaggia è di Marinella spa per una linea demaniale tracciata in violazione del Codice della Navigazione. Da due anni lo denunciamo. Da due anni né la Regione, né il Comune hanno chiesto il rispetto della legge. I balneatori devono sottostare a un privato. E’ o no un grave limite allo sviluppo? E’ o no un danno all’erario a favore del privato?

Il Piano spiagge è bloccato per il ricorso del Comune al TAR contro le prescrizioni della Regione scaturite dal dibattito pubblico di VAS. Quel piano con la colata di cemento per un nuovo centro commerciale e 98 mila metri quadrati di parcheggi era in contrasto con lo slogan “Zero consumo di suolo” delle linee guida del nuovo PUC. Natura o cemento: quali proposte per rilanciare Marinella?

 

 

 

Advertisements