Afflusso di massa alle Cinque Terre, parlano gli operatori.

Riceviamo e  pubblichiamo una lettera scritta da un gruppo di operatori delle Cinque Terre.

“Con riferimento ai recenti articoli afferenti le problematiche che investono le Cinque Terre in conseguenza del progressivo aumento dei flussi turistici, purtroppo la deregulation in atto, in mancanza di un minimo intervento correttivo, è destinata a peggiorare ulteriormente. Ormai i paesi sono meta di un turismo mordi e fuggi con il venir meno di quella stanzialità che, almeno, garantirebbe un tempo minimo onde consentire al visitatore un approfondimento delle logiche insediative e storico culturali del territorio che ne rappresentano la vera ed impagabile caratteristica. Prevale ormai “un effetto fotografico” con visite di poche ore. Giusto il tempo di memorizzare gli scorci più accessibili quasi da poter rappresentare ad amici e parenti di aver visitato le Cinque Terre; un perverso circuito che oltre a non essere appagante per lo stesso visitatore, omologa il territorio in una gara al ribasso che genera un sorta di orda che percorre i medesimi tratti nelle stesse ore incalzata da quella successiva. Una parte delle stesse aziende che operano nel territorio non sono più gestite da persone del posto come nel passato, ma da esterni, facendo venir meno quella sorta di filtro che esisteva volto a favorire una più corretta conoscenza del territorio anche attraverso la diffusione dei prodotti tipici. In primis il vino, che nelle Cinque Terre non rappresenta un connotato enologico ma paesaggistico, con il recupero delle coltivazioni quale unico parametro contro il dissesto idrogeologico in atto. Le Cinque Terre rappresentano unicamente un brand da vendere e promuovere anche da parte di altre località che moltiplicano le strutture ricettive con l’unico scopo di esercitare un tornaconto economico a danno del nostro paesaggio. I residui residenti, che sono sempre meno, sono letteralmente calpestati e travolti subendo gli effetti deteriori della situazione in atto, diminuiscono gli alimentari e aumentano gli esercizi, quali friggitorie e pizze al taglio  rivolti unicamente all’offerta turistica, i cosiddetti take way, che si uniformano al degrado in atto con il consumo di prodotti nel minor  tempo possibile ed una produzione abnorme di rifiuti  con i relativi oneri che rimangono in parte in capo ai residenti i quali sono già ostaggio dell’aumento dei prezzi, della tassazione sempre maggiore necessaria per consentire a comuni risibili in tema di consistenza demografica e di risorse di fronteggiare servizi sempre più rilevanti e consistenti. Tale contesto è destinato a peggiorare ulteriormente poiché prevale una tendenza emigratoria dei residenti effettivi verso la città o luoghi limitrofi più vivibili a scapito del ricambio con operatori che talvolta risiedono più per una convenienza fiscale che per libera scelta. Nei mesi invernali è sufficiente osservare con tristezza le poche luci accese testimonianza di paesi pressoché deserti e del tempo che fu”.

Un gruppo di operatori delle Cinque Terre

Advertisements