Spezia, le palle… girano! A Foggia il solito copione: reazione tardiva.

FOGGIA- Ultime giornate di questo campionato di serie B, infinito come sempre. Gli aquilotti a Foggia non riescono a conquistare punti: un copione già visto ahimè troppe volte quest’anno. Un 2-1 che fa poco male, visti i 50 punti raggiunti ottenendo una salvezza tranquilla ma non piace questo atteggiamento da vacanzieri apparenti o forse no. Sta di fatto che mister Gallo non riesce a scuotere i ragazzi e va in scena un’altra sconfitta contro i pugliesi dell’ex mister Stroppa. Ormai archiviata la quota playoff non raggiungibile, lo Spezia ha il dovere di chiudere queste ultime tre giornate in maniera dignitosa. Il tifoso aquilotto lo pretende e fa bene: si vuole incrementare la quota 50 punti. Intanto c’è da superare quella dei 51 raggiunti nel primo anno di serie B, dell’era Volpi, la stagione 2012/13, quella degli innumerevoli investimenti (Okaka, Antenucci, Di Gennaro, Sansovini, allenatori e ds che si alternavano…) con la salvezza ottenuta con Gigi Cagni al timone.

Voltando pagina, pensiamo al futuro prossimo: sabato al “Picco” arriva la Pro Vercelli non ancora retrocessa alla ricerca di punti salvezza, almeno quelli per i play out. Ragazzi forza dimostrate alla tifoseria di mettercela tutta senza fare brutte figure e regalare punti agli ospiti: lo Spezia deve essere onorato, come scritto nella maglia (la frase di Paolino Ponzo docet). La tifoseria merita rispetto: il solo segno è quello di dare tutto in campo cercando di far divertire i presenti che saranno lì sui gradoni del “Picco”. Forza Mister, forza ragazzi!

(Cristiano Sturlese)

Advertisements