“Incostituzionali le dimissioni a metà di Rixi”: Pastorino chiede una nuova nomina di Giunta.

GENOVA- Le dimissioni “a metà” di Rixi, che lascia il posto da consigliere ma mantiene quello da assessore, sono palesemente incostituzionali. Stamane in consiglio regionale il gruppo Rete a Sinistra / LiberaMente Liguria ha presentato un odg per dirimere la situazione, chiedendo subito una nuova nomina di giunta. «L’articolo 122 della Costituzione parla chiaro: la carica di parlamentare è incompatibile con la nomina ad assessore regionale. Il consiglio agisca di conseguenza: si esprima sulle dimissioni nel pieno rispetto della normativa, e non in base alle appartenenze politiche – dichiara il capogruppo Gianni Pastorino, estensore dell’odg insieme a collega Francesco Battistini -. Rixi non è stato chiamato ad altro incarico più importante, ma si è candidato ed è stato eletto a parlamentare. Una scelta personale, che non discuto. Però il problema è che, oltre essere consigliere, Rixi è anche assessore».

Il presidente Toti temporeggia ed evoca non meglio specificate polemiche da parte dell’opposizione. Respinto il provvedimento dal centrodestra: «Toti si impegna a sostituire Rixi, ma nel frattempo si cautela e respinge la nostra richiesta: sono passati 36 giorni dalle elezioni, quanto dobbiamo ancora aspettare? – puntualizza Pastorino -. Tutto questo non ha nulla a che fare con i fatti personali, ma con le norme che regolano il funzionamento del consiglio regionale. Questa è una forzatura. Toti sapeva che Rixi si sarebbe candidato e che, probabilmente, sarebbe stato eletto: doveva chiedergli dimissioni preventive, e così dimostrarsi garante sia della Costituzione sia dell’ente che presiede».

Advertisements
Annunci
Annunci