Il Comitato Quartiere Umberto I ribadisce la contrarietà al progetto di chiusura della scuola per l’infanzia di Via Firenze per trasformarla in ostello

LA SPEZIA- Il Comitato Quartiere Umberto I ribadisce la contrarietà al progetto di chiusura della scuola per l’infanzia di Via Firenze per trasformarla in ostello.
Contro questa operazione, già presentata dalla dalla giunta Federici, il quartiere e la comunità scolastica si sono già espressi con una petizione che ha raccolto oltre 500 firme e con una forte mobilitazione di protesta. Ci rammarica vedere che la nuova amministrazione prosegue pari pari nello scellerato progetto della giunta precedente, senza tenere conto della volontà  già manifestata dai cittadini e senza attuare la discontinuità rispetto al passato, che era stata ventilata in campagna elettorale. Ci sentiamo presi in giro dalla pretesa di far passare questa scelta sbagliata come un fatto inevitabile per il miglioramento del quartiere. Dismettere una scuola non può che comportare un impoverimento del tessuto sociale della zona. Troviamo oltremodo offensivo il tentativo raffazzonato e inopinato di raccogliere un apparente e fasullo consenso tramite un questionario improvvisato e pilotato  quando la popolazione si è già ampiamente espressa sull’argomento. NON È CERTO QUESTO IL PERCORSO DI PARTECIPAZIONE CHE CI ASPETTAVAMO. Sembra che la giunta voglia più che altro imporre una decisione già presa facendola passare  come gradita da tutto il  quartiere. Non è possibile che in una comunità civile, peraltro già con grossi problemi di sicurezza e di integrazione sociale, ci siano persone contente di far chiudere una scuola per sostituirla con un ostello. Ci riteniamo amareggiati dal Sindaco che ci aveva promesso l’esatto contrario di quello che sta avvenendo.
(Comitato Quartiere Umberto I)
Advertisements