Vittorio De Scalzi a Fezzano sabato 24.

PORTO VENERE– Sabato 24 febbraio 2018, nuovo appuntamento con le serate di “Incontri d’autore” con degustazione al ristorante “O chi o a cà toa” di Fezzano (Via Paita 6, Porto Venere, SP, Menu degustazione a Km zero, bevande incluse e concerto €35,00). Protagonista Vittorio De Scalzi cantautore e musicista genovese (ideatore dei New Troll e collaboratore di Fabrizio de Andrè, Mina, Ornella Vanoni, Umberto bindi e Anna Oxa) che continua il tour per celebrare i 50 anni di carriera. De Scalzi ripercorrerà un repertorio ispirato all’eclettismo musicale che in mezzo scolo di attività lo ha visto scrivere brani – per se stesso e per molti altri – che sono autentiche poesie del pop e della canzone d’autore, e comporre musica strumentale dalle melodie immortali, dotate di un’armonia compositiva inconfondibile. Sarà l’occasione per presentare il nuovo singolo “L’attesa” che segna l’inizio del secondo mezzo secolo di fervida ed onorata attività musicale.

Vittorio De Scalzi, classe 1949 e musicista dalla doppia anima, ribelle-contestatrice ed intimista, inizia giovanissimo la sua attività fondando, insieme a Pino Scarpettini, la band dei Trolls e debuttando da lì a poco come solista, in un disco realizzato per l’etichetta discografica ARC, dal titolo Vietato ai maggiori di pochi anni. E’ nel 1967 che costituisce una nuova formazione, denominata appunto New Trolls, e con questa getta le basi per una proficua carriera, caratterizzata sin dall’inizio dall’intento di concentrarsi su un repertorio inedito originale, evitando di proporre cover di artisti stranieri come ancora si usava all’epoca. Componenti del complesso, oltre a De Scalzi, sono Nico Di Palo (chitarre), Gianni Belleno (batteria), Giorgio D’Adamo (basso) e Mauro Chiarugi (tastiere). Nello stesso anno la band apre i concerti della tournée italiana dei Rolling Stones e suona in jam session con musicisti del calibro di Stevie Wonder.

Contemporaneamente De Scalzi si impegna nel lavoro di ricerca sulla musica popolare genovese, scrivendo canzoni dialettali che diventano in breve tempo parte del patrimonio culturale della sua città: tra questi Comme te bella Zena, da molti considerata canzone appartenente alla più antica tradizione genovese, tuttora interpretata dalle squadre di canto nelle esibizioni etno-popolari.

Con la collaborazione di Fabrizio De André e del poeta Riccardo Mannerini, compone i brani del primo album dei New Trolls, Senza orario senza bandiera (1968), di cui Mannerini è autore dei testi e il musicista arrangiatore e produttore. L’ LP sarà tra i primi esperimenti di concept album in Italia.

Nel 1971 De Scalzi scrive insieme a Luis Bacalov le musiche e i testi del Concerto grosso per i New Trolls, il terzo album in studio del gruppo, concepito secondo la tipica tripartizione del concerto barocco e innovatore del linguaggio musicale prog italiano. Si tratta di un riuscito esperimento di fusione fra rock e classica che porterà la band ad esibirsi in tour mondiali, e alla realizzazione di un secondo Concerto grosso (1976).

Un altro filone importante è rappresentato dal “Suonatore Jones”, un tour perlopiù incentrato sulle sue collaborazioni con l’amico e collega conterraneo Fabrizio De André. La relativa scaletta contiene la riproposta dell’album Senza orario senza bandiera più altri brani dei New Trolls e alcuni brani originali dello stesso De André.

Nel 1973 De Scalzi partecipa al disco collettivo L’Arca: le due canzoni da lui cantate vengono pubblicate poi sul 45 giri Le api/La foca con la denominazione Vittorio dei New Trolls e sul lato B canta anche Franco Gatti dei Ricchi e Poveri.

Vittorio De Scalzi è autore di molte canzoni di successo dei New Trolls (da Visioni a Una miniera, a Quella carezza della sera) e compone con frequenza costante, per altri artisti, brani di successo: significativi alcune delle canzoni scritte per Mina, Ornella Vanoni e Anna Oxa.

Numerose sono le presenze come interprete (insieme ai New Trolls) o autore al Festival di Sanremo: Io che ho te (1969), New Trolls in coppia con Leonardo; Una storia di Sergio Endrigo (1971); Soli (1981), scritta per Drupi e terza al festival; Faccia di cane (1985), New Trolls su testo di Fabrizio De André; Cielo chiaro (1988) New Trolls; Quelli come noi (1992), New Trolls; Letti (1996) New Trolls con Umberto Bindi, scritta insieme a Renato Zero; Alianti liberi (1997), New Trolls in coppia con Greta.

Advertisements