“Noi e il mare”, le opere di Silvio Benedetto esposte a Le Grazie.

PORTO VENERE– Il  porto antico delle Grazie come palcoscenico di testimonianze artistiche. La pittura come veicolo di riscoperta dei valori identitari, per rilanciare la memoria di chi ha sciolto gli ormeggi da questa terra e naviga in altre immensità e per valorizzare chi, sul molo delle vele d’epoca, continua a tessere la sua vita di lavoro. E’ un nuovo progetto del Cantiere della Memoria che spicca il volo domenica  25 febbraio prossimo, alle 15, con l’azione pittorica del maestro Silvio Benedetto, l’artista italo argentino che, con i suoi murales, ha celebrato territori e uomini, dalle Cinque Terre alla Sicilia, dal Sudamerica all’Arsenale della Spezia  e che, con Silvia Lotti, sviluppa il progetto La via del mare per connettere fra loro, all’insegna dell’arte,  comunità salmastre.
L’iniziativa, promossa  insieme a La via del mare, si svolge  in collaborazione con l’associazione Volo dell’arte, la Pro Loco delle Grazie, l’Hotel della Baia e la Porto Venere Servizi portuali turistici. “L’azione pittorica, in simbiosi-interazione con gli spettatori e le memorie che saliranno dalla mente dei custodi delle storie locali che vorranno intervenire,  darà forma e volti, su un pezzo di vela di tela olona, alla scena antica della vendita del pesce in banchina sbarcato dalle paranze. Un viaggio nel tempo, impreziosito dal canto degli alunni del laboratorio musicale dell’istituto Giovanni di Giona diretto dal cantautore Riccardo Borghetti, vecchio amico di Benedetto, nell’ambito del progetto Il mare: sentiero di conoscenza. Un’occasione, così, anche  per festeggiare l’artista prossimo a compiere 80 anni” spiegano Corrado Ricci e Jole Rosa, fondatori del Cantiere della Memoria.
La performance  si salderà a due mostre con le opere dell’artista.  La prima – Noi e il mare  – sarà ospitata nel fondo-museo di via libertà 119, in parallelo all’esposizione permanente di attrezzi dei maestri d’ascia; comprenderà anche una “poesia visiva” che unisce disegni dell’artista a un testo dello stesso e a un racconto dell’ammiraglio Dino Nascetti.
La seconda  – Il mare nel mito – sarà allestita all’Hotel della Baia dove alle 17, con un brindisi offerto dalla prestigiosa struttura ricettiva, si concluderà il pomeriggio artistico che apre idealmente la rotta alla goletta Oloferne-Museo Navigante, attesa alle Grazie l’11 marzo, nell’ambito del periplo della penisola per mettere in rete i musei del mare. Le mostre al Cantiere della memoria (visite sabato e festivi dalle 10 alle 17) e all’Hotel della Baia proseguiranno fino al 2 aprile.
Benedetto, ricordiamo, ha realizzato recentemente due azioni pittoriche sul tema “Il volto di Pirandello”: una a Vezzano Ligure con l’apporto vocale del professor Biagio e un’altra a Roma nell’ambito dell’iniziativa “Teatro negli appartamenti”. Un modo dinamico  di fare arte: tra la gente, per la gente.
In caso di maltempo anche la performance pittorica, con inizio alle 15,  si svolgerà all’Hotel della  Baia.
Advertisements