Da Francesco Battistini un’interrogazione sul futuro della Neuropsichiatria Infantile

GENOVA- Una interrogazione per chiedere conto del futuro della neuropsichiatria infantile. Mancano due mesi alla scadenza del contratto di affitto dei locali in cui ad oggi è sistemato questo importante servizio e non si hanno ancora certezze. Inaccettabile. Le famiglie che usufruiscono, per i loro figli, della neuropsichiatria infantile e dei suoi ambulatori non possono vivere con l’angoscia di rimanere, a breve, senza un punto di riferimento.
Ricordiamo che i servizi offerti dalla neuropsichiatria infantile agli utenti coprono un’ampia gamma di casistiche: dai disturbi dell’apprendimento a quelli del linguaggio, dell’umore, del pensiero e dell’alimentazione; dal trattamento dei disturbi inquadrati nello spettro autistico, alle disabilità neuromotorie e neurosensoriali; dal ritardo mentale alle sindromi rare.

Si deve intervenire con rapidità e ci aspettiamo risposte concrete e un percorso certo per i nostri piccoli pazienti.

Francesco Battistini

Consigliere Regionale

Rete a Sinistra/liberaMENTE Liguria

Advertisements