Codeglia torna a splendere… l’hotel paese meta turistica per alpinismo lento

La giovane amministrazione Comunale di Riccò del Golfo ha molto ben recuperato una situazione difficile, e così oggi, il borgo di Codeglia, situato sul confine, tra la Val di Vara e le Cinque Terre, finalmente può definirsi quel caratteristico “hotel paese” che da tempo voleva essere. Una meta importante, colorata e di pregio per gli amanti delle attività di alpinismo lento. Un luogo di riferimento per coloro, che nei lunghi cammini attraversano i territori, e dove le famiglie ed i gruppi di amici possono recarsi per fare delle piccole escursioni, visitando alcuni borghi che affondano le loro radici nella storia del territorio ligure, come ad esempio, Ponte Romano, Castè, Carpena e Porcale. Piccoli paesi della tradizione antica, tra il mare ed il suo entroterra, ove è possibile e culturalmente interessante, osservare e fermarsi. Riposare e degustare i prodotti tipici della povera ed originaria cucina  ligure. Un implemento allo sviluppo delle attività escursionistiche attorno a Codeglia ed alle zone circostanti viene dall’associazione Mangia Trekking, la quale in questi giorni ha avviato la manutenzione e la segnatura dei sentieri della zona. Interessante la sinergia che si va sviluppando  con  Gianluca, il gestore della struttura di ricezione del paese. Nei prossimi giorni, per perfezionare l’opera, l’associazione Mangia Trekking provvederà anche ripristinare al meglio ogni  camminamento, ed a rimuovere alcune piante cadute a seguito del forte vento, nel tratto tra Carpena e le Cinque Terre. Così oggi, in un fattivo rapporto di collaborazione con l’Amministrazione Comunale, l’associazione dell’alpinismo lento, si impegna e va richiamando sempre maggiore attenzione sulle vie sentieristiche di Riccò del Golfo, un patrimonio ricco di storia e biodiversità.  Un territorio tra mare ed entroterra che nell’alpinismo lento può davvero riscontrare una preziosa risorsa.

Advertisements
Annunci
Annunci