PUC decaduto, quale futuro per Valdellora?

LA SPEZIA- Poco tempo fa l’attuale Giunta ha decretato la decadenza del PUC 2017 e, con il Piano Urbanistico, decade anche la “protezione” dell’area di Valdellora inizialmente destinata a nuove edificazioni. L’area interessata è quella nella parte alta di Via Galvani, dove attualmente c’è un vecchio Mulino (al numero 207) in abbandono.

La nostra lettrice Michela Catoni, che ci ha inviato alcun fotografie, ci ha anche riferito che gli abitanti del quartiere sono contrari a una nuova cementificazione, dal momento che a Valdellora, in passato, si è costruito abbastanza. Nel marzo scorso Legambiente si era schierata apertamente contro questo progetto di edilizia, giudicato una colata  di cemento sulle ultime propaggini di verde che ancora si insinuano in pieno centro cittadino. Un intervento discutibile anche dal punto di vista geologico e idraulico, che contrasta con tutti i principi di buon governo del territorio, diventati cultura diffusa proprio in seguito ai ripetuti eventi alluvionali che hanno colpito la Liguria. (Giù le mani da Valdellora…).

L’opposizione alle nuove costruzioni veniva da lontano, ne parlò due anni e mezzo fa  l’attuale Presidente del Consiglio Comunale, Giulio Guerri (“No a nuove cementificazioni sulle alture di Valdellora“). Il rischio di ulteriori edificazioni veniva scongiurato nel PUC approvato dalla precedente Giunta… e ora? Cos’ha intenzione di fare l’Amministrazione Peracchini? Il caso-Valdellora andrà in Commissione? O in Consiglio Comunale? Ricordiamo inoltre che circa un anno fa il responsabile della ditta incaricata delle nuove costruzioni diffidò il Comune e i consiglieri per il mancato rispetto degli accordi pregressi.

Insomma: quale sarà il futuro di Valdellora?

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

Advertisements
Annunci
Annunci