Mareyeurs: una squadra di Versiliesi in gara in Francia al 31° FIPA con il documentario di Matteo Raffaelli

Il documentario Mareyeurs, nato grazie al lavoro di una squadra interamente versiliese, è stato selezionato tra oltre 1300 proposte giunte da tutto il mondo, in gara a uno dei più autorevoli festival di audiovisivo internazionali, il 31° FIPA – Festival International de Programmes Audiovisuels di Biarritz (Francia), il 23 e 25 gennaio 2018. 

“Il documentario Mareyeurs” ha dichiarato il regista Matteo Raffaelli “è girato interamente in Africa e nasce da una squadra tutta versiliese. Marco Petrucci, l’operatore di macchina e Domenico Zàzzara, il montatore vivono a Forte dei Marmi, così altri ragazzi dell’equipaggio di questa bella avventura. Così come Benedetta Lossi che ha curato il coordinamento di produzione, Maria Serena Borghini e Ilaria Congiu, assistenti alla regia. L’idea è nata un paio di anni fa sulla spiaggia del Forte quando, Francesco Congiu un mio caro amico, per la prima volta mi ha parlato della pesca in Senegal. Lui lavora con il Senegal da venticinque anni e mi ha fatto capire quanto il prodotto ittico africano sia diffuso in Europa e in Italia. Durante il mio primo viaggio in Africa ho capito che la pesca tradizionale senegalese è alla base di un prodotto di alta qualità, messo però a rischio dalla pesca industriale e dal depauperamento degli oceani. Con Francesco, che poi è diventato il produttore del film ho iniziato a lavorare e fondato una società di produzione audiovisiva la Oceanfilm, con cui ci siamo lanciati in questa avventura. Il ventidue partiamo per Biarritz, dove il film è in concorso al 31° FIPA (Festival Internazionale della Produzione Audiovisiva). Le proiezioni sono programmate per il 23 e 25 gennaio. Essere lì è già un grande riconoscimento per il lavoro fatto in questi anni. Andare in Francia alla prima internazionale del Documentario con degli amici e colleghi versiliesi è una soddisfazione ancora maggiore”.

Advertisements